Ocean Race: innovazione e sostenibilità, ecco i vincitori della call for innovation

Non c'è nessun ligure, ma le startup o imprese innovative lavorano anche in Liguria

Ocean Race: innovazione e sostenibilità, ecco i vincitori della call for innovation

Genova si avvicina all’appuntamento con l’Ocean Race portando un apporto smart e sostenibile a 360 gradi. Durante il panel dedicato nel pomeriggio del secondo giorno di lavori alla Genova Smart Week, è stato illustrato come Genova sia la prima città ad aderire alla “Mission Restore our Ocean and Waters” della Commissione Europea. L’Ocean Race si trasforma così in un momento di sensibilizzazione di questa problematica.

Genova dovrà rispettare uno strettissimo target di sostenibilità per ospitare Ocean Race: l’evento dovrà essere a impatto zero. Ulteriore momento importante sarà, all’interno dell’area dedicata alla regata, la parte dedicata all’innovazione.

Il villaggio Ocean innovation racchiuderà i sei progetti che hanno vinto la call for innovation lanciata dal Genova Blue District. Claudio Oliva, il coordinatore, ha spiegato che sono stati i 46 i progetti presentati (nessun ligure): «Saranno incubati da I3P, l’incubatore di imprese innovative del Politecnico di Torino, ma quelli che non sono stati scelti saranno comunque nostri interlocutori».

Ecco i vincitori (nessun ligure):
Wsense connette oggetti sott’acqua e ha ideato un osservatorio multi-parametrico per tirare fuori dati sulla qualità dell’acqua grazie a dispositivi per esempio indossati dai sub che consentono maggiore sicurezza per le persone e raccogliere dati ambientali.
Northern Light ha varato due imbarcazioni con materiale in sostituzione della vetroresina: il primo composito riciclabile al mondo di matrice termoplastica. Nel 2022 la startup innovativa ha avviato una partnership con i cantieri Sangiorgio e partecipato al progetto dell’imbarcazione da regata Allagrande. All’innovation village sarà possibile fare prove in mare di “ecoracer one design”, il primo monotipo riciclabile al mondo.
L’obiettivo di SwimLift è di creare uno skilift per chi nuota a supporto della fruizione dell’acqua di persone con disabilità o anziane per percorsi di snorkeling inclusivi. La soluzione è già disponibile per le piscine ed è stato testato a Genova dal nuotatore Francesco Bocciardo dimostrando di essere utile anche per la riabilitazione. Prossimo passo la soluzione per le spiagge.
Gs4c ha creato una barca foiling per atleti paralimpici con un controllo di volo completamente automatico e scafo sostenibile. Anche loro collaborano con Sangiorgio Marine.
Moebeus Società Benefit, propone Tourforblue, un marketplace che seleziona offerte turistiche, servizi, prodotti per vivere gli sport acquatici in modo sostenibile, con una mappatura puntuale di dove trovare tutto questo. All’innovation village il tool be-circular sarà trasformato in un gioco che educa alla sostenibilità.
Ocean His ha creato una box, un laboratorio viaggiante che si può installare a bordo delle imbarcazioni comuni, una stazione che rileva lo stato di salute del mare mentre si naviga. I dati sono rilevati in tempo reale, georeferenziati e trasferiti in cloud. Proprio per questo il progetto si collega alla campagna “Adotta un miglio”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.