Per sensibilizzare i cittadini sulle qualità e i valori degli imballaggi in acciaio, “Cuore Mediterraneo”, la campagna itinerante promossa da Ricrea, il Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi in acciaio, fa tappa nel Golfo dei Poeti.

Alla Spezia, Ameglia e Sarzana l’inviata speciale Alice ha incontrato bagnanti e diportisti per conoscere le loro abitudini e invitarli a scoprire i vantaggi di una corretta raccolta differenziata e il valore del riciclo degli imballaggi in acciaio.

«Anche in vacanza è importante separare correttamente i contenitori in acciaio: una volta avviati al riciclo possono rinascere a nuova vita, trasformandosi ad esempio in chiodi, bulloni, travi per l’edilizia, binari ferroviari o arredi urbani – spiega Roccandrea Iascone, Responsabile comunicazione di Ricrea – grazie alla raccolta differenziata lo scorso anno nell’area della Spezia è stato registrato un dato di raccolta pari a 3,21 kg di imballaggi in acciaio per abitante, molto superiore alle media regionale. L’acciaio è una risorsa preziosa in quanto materiale permanente che si ricicla al 100% all’infinito ed è importante che non vada sprecato finendo in discarica».

«L’ambito territoriale è particolarmente vasto, con circa 200.000 abitanti e 100.000 tonnellate di rifiuti trattati, e ha peculiarità diverse a seconda delle zone. Inoltre, durante l’estate nelle località balneari si registra un forte aumento delle presenze – commenta Massimo Gianardi, presidente di Acam Ambiente spa, la società del Gruppo Iren che gestisce la raccolta differenziata nella provincia della Spezia – il risultato ottenuto è sicuramente encomiabile, ed è stato raggiunto attraverso una sinergia tra l’azienda e le amministrazioni locali, e grazie alla sensibilizzazione dei cittadini per spingere il più possibile una efficace raccolta differenziata. Più materiale ricicliamo, meglio stiamo tutti quanti».

Nel 2020 in Italia, grazie all’impegno dei Comuni e dei cittadini, sono state avviate a riciclo 370.963 tonnellate di imballaggi in acciaio, sufficienti per realizzare circa 3.700 km di binari ferroviari: ancora una volta il Paese si conferma già in linea con l’obiettivo dell’80% previsto dalle direttive europee in materia di economia circolare entro il 2030.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.