L’industria guida a fatica il recupero dell’economia genovese verso i livelli pre-lockdown, con fatturato e ordini nazionali in ripresa nel secondo semestre 2020, a differenza dei numeri relativi all’export. L’analisi di Confindustria Genova, presentata questa mattina, mette a confronto i dati degli ultimi sei mesi del 2020 – periodo caratterizzato dal boom nel terzo trimestre e dagli effetti della seconda ondata di Covid nel quarto – con lo stesso periodo del 2019.

Se da un lato il manifatturiero genovese mostra importanti segnali di ripresa, con un +1,1% della produzione, un +8,6% di fatturato Italia e +0,5% di occupati nell’organico, dall’altro preoccupano i numeri degli ordini esteri: -4,4%, con il fatturato che in questo caso crolla del 2,5%.

Il dato agglomerato di industria e servizi segna un -2,1% per gli ordini estero e -3,3% di fatturato estero. Stabile il fatturato nazionale (+0,3%), in lieve crescita gli ordini (+0,9%). Il costo del lavoro scende del 2,9%, gli occupati in organico dello 0,5%, calo da ricondursi esclusivamente ai servizi.

«In Italia la ripartenza è stata in generale migliore delle previsioni, almeno fino alla seconda ondata di Covid, arrivata lo scorso autunno – è il commento di Guido Conforti, vicedirettore di Confindustria Genova e responsabile dell’Ufficio studi – Il terzo trimestre ha fatto registrare un rimbalzo significativo, sia di pil, sia di produzione industriale. Così non è stato nel quarto trimestre, con una produzione in pesante flessione. Con la pandemia spicca poi la frenata delle esportazioni, elemento rilevante in un’economia che, come quella italiana, è molto esposta all’export».

 

Agroalimentare e metalmeccanica i comparti industriali che hanno retto maggiormente. Guardando invece altri settori, è particolarmente desolante il quadro della logistica, che registra tutti dati in calo: -14,7% del fatturato Italia, -4,5% di quello estero, -1% gli occupati in organico. «Il calo del traffico portuale delle merci è del 13,5%, i container del 6,2% – aggiunge Conforti – dati confermati anche dall’aggiornamento sui traffici nei porti di Genova e Savona-Vado, arrivato proprio ieri».

Fa peggio il turismo: il fatturato nazionale a Genova ha perso il 37,6%, quello estero il 23,2%. -10,9% gli occupati in organico. Quasi azzerato il traffico passeggeri delle crociere, -95,8%, mentre i traghetti registrano un -37,5%. Male anche il movimento aeroportuale: passeggeri in calo di oltre il 74%, i movimenti si sono dimezzati. Unico dato positivo, quello relativo alle presenze dei turisti italiani tra luglio e ottobre 2020 (+0,5%), crollano invece arrivi (-59%) e presenze (-55,8%) degli stranieri.

In questo contesto, Confindustria rileva un paio di eccezioni: la sanità privata, il cui fatturato nel semestre sale del 15,6% rispetto allo stesso periodo del 2019, e l’area finanziaria-assicurativa, con un giro d’affari in crescita del 16,8% nel periodo preso in esame.

Confidando negli effetti della campagna vaccinale e in un allentamento pressoché totale delle restrizioni almeno da maggio, così come spera il presidente degli industriali genovesi Giovanni Mondini, le previsioni per il 2021 sono quelle di una decisa ripresa: +4,8% per il Pil italiano, una ripresa dei consumi del 5,9%, investimenti in crescita di quasi il 10%. Ipotesi di ripresa anche per l’export: +11,3%. Parziale recupero dell’occupazione (+4%), in crescita però il tasso di disoccupazione (12,4%).

Sul fronte genovese, le previsioni di Confindustria per l’industria e i servizi sono quelle di una prosecuzione del recupero di fatturato (+1,8%) e degli ordini nazionali (+1,5%), accompagnati da una più lenta ripresa dell’export (+0,6%) e degli occupati (+0,4%).

Leggi qui l’analisi di Confindustria relativa al primo semestre 2020

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.