Ora è ufficiale: Salini Impregilo, Fincantieri e Italferr sono le aziende che, in consorzio, si sono aggiudicate l’appalto pubblico per la “realizzazione, in estrema urgenza, di tutte le opere di costruzione necessarie al ripristino strutturale e funzionale del viadotto Polcevera a Genova”. Lo si legge nel decreto del commissario straordinario Marco Bucci.

Le aziende hanno presentato una proposta con costi complessivi pari a 202 milioni di euro (al netto dell’Iva).

In base al decreto, viene disposto che “venga sottoscritto un unico contratto per l’appalto di demolizione e l’appalto di ricostruzione, nell’eventualità in cui gli operatori economici interessati trovino accordo entro il 31 dicembre 2018”.

Le aziende si sono impegnate a rispettare un crono-programma, che prevede il completamento strutturale dell’opera entro la fine del 2019.

«Oggi si compie un passo importante per il futuro della città − spiega il commissario Bucci − Abbiamo chiesto all’architetto Renzo Piano di sovraintendere al progetto, per garantire l’aderenza all’idea originale e la qualità di realizzazione della stessa. L’architetto Piano ha accettato l’incarico in forma di donazione alla città di Genova. Abbiamo ricevuto una lettera dall’azienda Cimolai e dall’architetto Santiago Calatrava, in cui si esprime la disponibilità alla collaborazione per lavorare allo sviluppo del nuovo viadotto per il bene della città di Genova e dell’Italia. Considero questa offerta molto positiva e nei prossimi giorni la esamineremo nei dettagli».

Clicca qui per leggere il testo integrale del decreto

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.