Piaggio Aerospace: Rossetti e Cosentino i nuovi commissari accanto a Nicastro

Gianpaolo Davide Rossetti avrà le funzioni di coordinatore del nuovo organo commissariale

Piaggio Aerospace: Rossetti e Cosentino i nuovi commissari accanto a Nicastro

Il ministro delle Imprese e Made in Italy Adolfo Urso ha nominato Gianpaolo Davide Rossetti e Carmelo Cosentino quali nuovi commissari straordinari di Piaggio Aeroindustries e Piaggio Aviation (gruppo Piaggio Aerospace), a integrazione dell’attuale commissario Vincenzo Nicastro.

La nomina, spiegano al Mimit, si inquadra nella fase di commissariamento delle società aerospaziali liguri, in amministrazione straordinaria dal dicembre 2018 e in vista della cessione dei complessi aziendali.

Gianpaolo Davide Rossetti, con funzioni di coordinatore del nuovo organo commissariale, è dottore commercialista e revisore legale dei conti, l’ingegnere Carmelo Cosentino è presidente emerito del Lombardia Aerospace Cluster.

«Ennesima decisione del governo appresa dalla stampa e non comunicata al sindacato – afferma Christian Venzano, segretario generale Fim Cisl Liguria − pensiamo che il governo in questo modo possa finalmente essere più “protagonista” sul dossier di Piaggio Aerospace. Ci aspettiamo però un incontro al ministero, non si costruiscono così le relazioni industriali, serve un piano industriale di medio-lungo periodo che preveda investimenti sui prodotti consolidati e scelte precise sia sul completamento di progetti avviati negli anni passati come il pattugliatore Mpa e il drone arrivato al 95% del completamento, sia sugli investimenti da effettuare nel settore Motori con ricerca di nuove attività. Un settore così importante come l’aeronautico ha bisogno di una efficace gestione industriale e Piaggio AeroSpace è un azienda strategica coperta da Golden Power e ha dimostrato anche in amministrazione straordinaria il suo grande valore, continuando grazie al valore dei suoi prodotti e dei suoi lavoratori a prendere commesse in ogni settore velivoli, motori e manutenzione. Ora però occorre una progettualità chiara e decisa per il futuro sulle persone, sui prodotti e sui processi».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here