Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe sull’epidemia da Covid rileva in Liguria una seconda settimana consecutiva con tutti gli indicatori in calo o comunque sotto soglia: dal 28 aprile al 4 maggio 2021 la Liguria ha registrato 330 casi attualmente postivi per 100 mila abitanti, -17,3% la variazione percentuale dei nuovi casi, mentre i posti letto in area medica e in terapia intensiva occupati dai pazienti Covid-19 sono entrambi al 27%.

«Continua la lenta discesa dei nuovi casi settimanali – dichiara Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe – anche se a livello nazionale s’intravedono precoci segnali di aumento della circolazione del virus». Innanzitutto, il lieve incremento dell’Rt medio calcolato dall’Istituto Superiore di Sanità sui casi sintomatici che nel periodo 7-20 aprile è di 0,85 rispetto a 0,81 del periodo 31 marzo-13 aprile; in secondo luogo, come rilevato dall’ultimo bollettino dell’Iss, dalla prima metà di aprile la risalita dei nuovi casi nelle fasce 3-5 e 6-10 anni, verosimile conseguenza della ripresa delle attività scolastiche in presenza.

«Anche il numero dei nuovi ingressi giornalieri in terapia intensiva sta progressivamente diminuendo – spiega Marco Mosti, direttore operativo della Fondazione Gimbe – con una media mobile a 7 giorni di 135 ingressi/die».

Per quanto riguarda i vaccini «Sul fronte consegne – spiega Cartabellotta – molto incoraggiante il deciso aumento dell’ultima settimana: quasi 5 milioni di dosi per l’Italia, un colpo di acceleratore decisivo per garantire 3,5 milioni di somministrazioni settimanali».

La Liguria resta al primo posto per popolazione vaccinata andando verso il 30%, è seconda per ciclo completo con il 13,7% della popolazione.

Per quanto riguarda le fasce di età superata la soglia dell’80% negli over 80, con il 60,5% ad aver completato il ciclo. Tuttavia la Liguria resta in fondo alla classifica.

Nella fascia 70-79 anni oltre il 58% dei liguri ha ricevuto almeno la prima dose, ad aver completato la somministrazione il 18,9% (terzo posto tra le regioni)

Più indietro ovunque la vaccinazione nella fascia 60-69 anni. La Liguria è nona con il 41% della popolazione ad aver ricevuto almeno la prima dose ed è quarta dietro Molise, Campania e Sicilia, con persone già a “ciclo completato”.

Con questi numeri la Liguria è tra quelle che sono sopra il target di somministrazione regionale fissato dal commissario straordinario, il generale Figliuolo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.