Un contratto di finanziamento a condizioni molto vantaggiose (ammortamento fino a 20 anni, tasso fisso intorno all’1%) quello siglato tra il Comune di Genova e la Ceb, la Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa.

50 milioni a disposizione di Palazzo Tursi per finanziare investimenti strategici sull’adattamento ai cambiamenti climatici, la prevenzione delle calamità naturali e l’edilizia scolastica.

Genova è la prima città in Italia a firmare un accordo con la Ceb.

Presente anche Sonia Viale, assessore alla Sicurezza della Regione Liguria: «Questa operazione prosegue sulla scia dell’accordo da 70 milioni di euro sottoscritto tra Ceb e Regione Liguria per il finanziamento al piano triennale degli investimenti per la messa in sicurezza del territorio».

«Questo finanziamento – spiega l’assessore al Bilancio del Comune di Genova Pietro Piciocchi – ci consente anche una semplificazione amministrativa notevole perché è attivabile a seconda dei bisogni, quindi flessibile e non rappresenta un mutuo, ma un nuovo strumento di accesso al credito, un nuovo approccio al finanziamento delle opere». Il credito resta aperto per tre anni e offre tassi anche più favorevoli di quelli di Cassa Depositi e Prestiti. Rispetto al prestito che farebbe una banca, sono richiesti dai 2 a 3 punti percentuali in meno all’anno, che dipende dal fatto che la Bec ha costi di raccolta molto bassi e che gli azionisti sono Stati, l’Italia è tra i tre principali (quota intorno al 16,7% di partecipazione) con Francia e Germania.

Un altro aspetto di novità è che il contratto è in inglese, una “prima volta” anche per gli uffici amministrativi comunali.

Il vice governatore della Ceb Carlo Monticelli, genovese, commenta: «Vogliamo dare un contributo importante agli investimenti, un contributo in linea con il mandato della banca, che da quando è nata si occupa di temi sociali: resilienza, edilizia scolastica, alloggi popolari, sanità. Noi non facciamo profitto, ma aiutiamo a perseguire gli obiettivi. Siamo la banca sociale dell’Europa. Questo è solo l’inizio di una collaborazione molto fruttuosa. Spero di essere presto di nuovo qui per siglare un altro accordo».

«Quello che abbiamo siglato oggi è un prestito davvero vantaggioso – afferma il sindaco Marco Bucci – tutto ciò ci dà l’opportunità di realizzare i lavori che servono per tutta la città, dalla manutenzione scolastica a nuove infrastrutture per i trasporti, nuove infrastrutture per aziende di trattamento rifiuti, si comincerà con i lavori pubblici, poi estenderemo i finanziamenti a trasporti e trattamento rifiuti».

La Ceb in breve

La Ceb occupa 200 persone nella sede di Parigi. Raggiunge i 4 miliardi di impieghi all’anno. È la banca di sviluppo più antica del mondo dopo la Banca Mondiale, è stata fondata nel 1959 per cercare di finanziare degli investimenti per prendersi cura dei profughi della Seconda guerra mondiale e da allora si è concentrata nel settore sociale. Il bilancio ammonta a circa 30 miliardi. La Ceb basa la propria attività su fondi e riserve propri e non riceve dagli Stati membri alcun aiuto o sovvenzione e non finanzia direttamente gli individui, ma le entità nazionali. Attualmente conta 41 Stati membri (dei 47 del Consiglio d’Europa, sono fuori tra i Paesi Ue solo Austria e Regno Unito). L’anno scorso ha finanziato l’Istituto di credito sportivo per la creazione di impianti e palestre con 150 milioni, di cui anche Genova ha beneficiato.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.