Il ponte levatoio della darsena di Pagliari, nella zona dei cantieri nautici alla Spezia, ha ceduto improvvisamente questa mattina. Durante una manovra di apertura del ponte, la struttura è crollata: le cause sono ancora in corso di accertamento.

Il traffico tra La Spezia e Lerici è stato convogliato nelle vie limitrofe.

A seguito della rottura del ponte, il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini dichiara: «La città si è svegliata bruscamente con la rottura del ponte sulla darsena Pagliari, ma la buona notizia è che non ci sono stati feriti. Sono da questa mattina in contatto con l’Autorità di Sistema Portuale, da cui dipendono la competenza e responsabilità sui controlli e sulla manutenzione del ponte. Mi auguro che, dopo tutte le verifiche del caso, l’Autorità di Sistema si attivi prontamente per il ripristino della struttura, perché l’immagine della Città della Spezia non può essere associata a un ponte crollato, soprattutto nel momento in cui vi è la ripartenza dall’emergenza Covid-19».

«Da parte di tutta l’amministrazione, esprimo massima solidarietà e collaborazione per le attività economiche che insistono sulla zona del ponte e per i disagi ai cittadini conseguenti a questo evento. Un sentito ringraziamento ai Vigili del Fuoco e a tutte le Forze dell’Ordine che sono prontamente intervenute sul posto. La nostra Polizia Municipale e le nostre squadre tecniche della Mobilità sono prontamente intervenute per le modifiche a una viabilità alternativa».

L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale comunica che gli uffici stanno già tempestivamente progettando lo spostamento in sicurezza della struttura, in linea ovviamente con le tempistiche dettate dalle decisioni degli organi inquirenti che hanno sequestrato il ponte immediatamente dopo l’incidente di stamani. Questo per ristabilire velocemente l’utilizzo della parte a mare, necessaria per non bloccare l’attività dei cantieri collocati nella Darsena Pagliari, presso la quale operano diverse società del settore della nautica.

Il disagio per la circolazione stradale è limitato, essendo già a disposizione un’alternativa per la viabilità via terra.

L’incidente non ha coinvolto fortunatamente nessun veicolo proprio perché, per sua natura, il ponte mobile viene interdetto alla circolazione ordinaria durante le manovre di apertura e chiusura, funzionali alle attività presenti in darsena.

In questo momento tutti gli uffici dell’Ente di via del Molo sono al lavoro e stanno attivamente collaborando con gli organi inquirenti .

Il ponte in acciaio, il 24 marzo scorso, era stato sottoposto a una accurata verifica ai pistoni idraulici di sollevamento ed era stato certificato il corretto funzionamento degli stessi.

Gli abitanti della palazzina prospicente il ponte, evacuati per questioni di sicurezza, sono stati accolti, a cura dell’AdSP, in un hotel del centro città fino a che non potranno fare rientro nelle proprie abitazioni.

Nel frattempo il presidente dell’Adsp, Mario Sommariva, è stato nominato custode giudiziario.

Foto in apertura: pagina Facebook Il Mugugno Genovese

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.