Una sfida per gli utenti del Porto antico di Genova: risparmiare 25 mila kg di CO2. Quando sarà raggiunto l’obiettivo, la stessa società Porto Antico “raddoppierà” il risparmio rimpiazzando i lampioni attuali con quelli a led.

La “challenge” è contenuta nella app Aworld, lanciata da una startup di Torino con sede anche a New York, ma con diverse anime in giro per il mondo (dodici persone che ci lavorano tra Italia, New York, Londra, Los Angeles e il Canada), i cui fondatori sono stati ospiti del panel “Cambiamento climatico e sviluppo sostenibile” in programma a Orientamenti oggi, giovedì 12 novembre.

Aworld è diventata l’app ufficiale scelta dalle Nazioni Unite a supporto della campagna per il contrasto alla crisi climatica Act Now, perché grazie alla cosiddetta “gamification” (applicare temi di gioco alla vita reale, dando dei punti ogni volta che un obiettivo è stato raggiunto) consente di contribuire alla sostenibilità ambientale nel corso del tempo.

Alessandro Armillotta, Ceo e uno dei fondatori di Aworld, racconta: «Lavoravamo nel settore dell’abbigliamento, fornendo piattaforme high-tech per la vendita, per esempio uno dei nostri clienti era Tommy Hilfiger. Quando siamo andati in Asia per vedere le fabbriche dove si producevano tshirt e leggins, abbiamo scoperto persone che lavoravano sottopagate anche 14 o 15 ore al giorno, una situazione sociale pessima, ma anche ambientale. Ricordo che chiesi quale sarebbe stato il colore di moda l’anno successivo e mi dissero di andare a vedere di che tinta fosse il fiume vicino».

Lo shock è stato tale che Armillotta ha lasciato il settore, cercando di creare qualcosa di diverso che fosse una guida per una soluzione a queste problematiche: «Le cose che facciamo ogni giorno hanno un impatto. Per esempio per fabbricare una t-shirt si consumano mille litri d’acqua. Ci siamo messi in proprio e abbiamo modificato il progetto 169 volte prima di pubblicare la app».

Aworld aiuta le persone a comportarsi in modo da avere uno stile di vita sostenibile dando dei piccoli obiettivi da raggiungere con le azioni quotidiane: «Abbiamo capito che le persone hanno voglia di interagire e imparare, ma non sanno da dove iniziare, si sentono spaesate e la sostenibilità spesso è comunicata con termini difficili da capire».

Dall’inizio del 2019 a oggi Aworld ne ha fatta di strada: nei primi due mesi 20 mila iscritti e registrate 200 mila azioni, grazie alla collaborazione con l’Onu e Act Now a breve sarà raggiunto il traguardo di un milione di azioni in due anni.

Il team Italia

Le azioni sono quelle contenute nella app che aiutano a risparmiare CO2 o acqua per esempio. La chiave di comunicazione vincente di Aworld è che tutto è messo in chiave positiva: non quanta CO2 si consuma, ma quanta se n’è risparmiata. «Cerchiamo di non focalizzarci sulle catastrofi e il senso di impotenza, ma sulla soluzione, sulla cittadinanza attiva, sulla cultura della sostenibilità».

Attraverso la App si possono guardare video per avere l’abc della sostenibilità in relazione anche alla crisi climatica «non cambiamento climatico – afferma Armillotta – perché l’intervento dell’uomo non si può negare». Si viene coinvolti attraverso mini-serie e una lista di azioni pratiche come ridurre il tempo della doccia, per fare un esempio.

La app crea anche sfide di gruppo: «Facciamo capire che non si è da soli, stimoliamo il senso di community, vuoi provare con noi a salvare 100 litri d’acqua? Ecco le azioni che occorre fare».

Previsto anche il coinvolgimento delle aziende, come appunto la Porto Antico, che mettono a disposizione budget da donare ad associazioni impegnate nella sostenibilità ambientale o ad attività sostenibili. Anche qui un esempio pratico: se la community di Aworld raggiungerà un certo obiettivo, l’azienda donerà un seabin (il contenitore mangiarifiuti nei porti di cui abbiamo parlato qui, per esempio). «Cambiamo noi, cambiano le aziende e cambiano i governi» riassume Armillotta.

Il fatto di aver incontrato l’Onu sulla propria strada rende tutto più facile: Aworld viene portata in giro per il mondo, domani per esempio diversi influencer cinesi trasmetteranno il messaggio.

Aworld ha già vinto diversi premi tra cui il Zurich Innovation Championship e l’Impact Now.

Clicca qui per trovarla su Google play. Clicca qui per App Store.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.