Si chiamerà Marittimotech ed è l’acceleratore transfrontaliero di startup per le filiere verdi e blu predisposto nell’ambito dell’omonimo progetto comunitario, parte del programma di Cooperazione Interreg V-A Italia Francia Marittimo 2014 – 2020 (iniziato nel gennaio 2017 con una durata di 24 mesi).

L’acceleratore transfrontaliero sarà attivato nella sede di ciascun partner del progetto – tra cui l’Università di Genova – ad aprile 2018. Il bando di selezioni dei candidati sarà aperto dal 1 febbraio e disponibile qui. Attraverso esperti qualificati, l’acceleratore erogherà gratuitamente servizi specialistici ad alto valore aggiunto alle startup e garantirà un affiancamento intensivo per una durata di 4 mesi.

MarittimoTech ha come obiettivo generale quello di incrementare il tessuto imprenditoriale delle imprese micro, piccole e medie dello spazio di cooperazione (Corsica, Var e Alpi Marittime, Liguria, Sardegna e Toscana), che rappresentano il 92% del totale.

Il progetto MarittimoTech coinvolge 5 regioni e 7 partner. Coordinati dalla Camera di Commercio e dell’industria di Ajaccio e della Corsica del Sud in qualità di capofila, sono coinvolti nella esecuzione delle componenti progettuali l’Università degli Studi di Genova con il suo Dicca-Dipartimento di Ingegneria civile, chimica e ambientale, Promocamera, l’Azienda speciale Camera di Commercio di Sassari, la Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, il Consorzio industriale provinciale di Sassari, la Confederazione generale delle piccole e medie imprese dell’Alta Corsica e la Camera di Commercio e Industria del Var.

Queste le motivazioni del progetto: il tasso di sopravvivenza dopo tre anni dalla nascita delle imprese e il turnover sono piuttosto deboli, perché si tratta di strutture produttive frammentate, con scarsa dotazione di capitale umano e finanziario, con ridotta capacità innovativa e creditizia, insufficiente propensione a sfruttare servizi per il posizionamento dei prodotti sul mercato e per la commercializzazione. Anche la ricerca risulta modesta nelle piccole realtà di impresa, inoltre, permane una scarsa relazione tra le imprese e i centri scientifici di eccellenza; il coinvolgimento dei lavoratori nel processo innovativo è scarso; c’è resistenza nel tradurre le Tecnologie dell’informazione e comunicazione (TIC) in innovazioni organizzative.

In tale contesto il progetto si propone l’obiettivo di stimolare la crescita economica intelligente, duratura e sostenibile nelle 4 filiere prioritarie transfrontaliere comuni ai partner: turismo sostenibile, biotecnologie, energie rinnovabili “blu” e “verdi”, settore nautico e cantieristica navale. Lo sviluppo e la ricerca dell’eccellenza di questi settori costituiscono un trampolino per le giovani imprese creative, innovative, di forte potenzialità e grandi ambizioni economiche e geografiche.

Le attività, che si svilupperanno fino a dicembre 2018, hanno avuto avvio con la mappatura del territorio e l’individuazione delle competenze chiave per l’acceleratore transfrontaliero e, nei prossimi mesi, insieme alla promozione del progetto e animazione sul territorio, sarà pubblicato un avviso per la selezione delle idee imprenditoriali.

Marittimotech garantirà alle startup selezionate (obiettivo di 45 nel periodo 2017-2018) un affiancamento intensivo per una durata di 4 mesi: sostegno individuale e laboratori collettivi (servizi formativi, strumenti giuridici, contabili, di marketing); tutoraggio, corredato da collocazione in rete e possibilità di sinergie (masterclass); accesso ai finanziamenti (Roadshows transfrontalieri).

I destinatari delle azioni potranno godere dell’erogazione gratuita di servizi specialistici strategici per la creazione e sviluppo d’impresa con supporto personalizzato e di gruppo anche a distanza, nonché una rete di esperti transfrontaliera al servizio delle imprese selezionate che vedrà il coinvolgimento di attori esterni ad integrazione delle competenze dell’Acceleratore.

Francesca Pirlone, responsabile scientifico del Dicca, sottolinea: «La presenza di un acceleratore in ogni regione coinvolta consentirà di offrire i servizi alle imprese secondo un criterio di prossimità; superare la frammentarietà dell’offerta; attivare collaborazioni con esperti ed altri enti nel cosiddetto “ecosistema imprenditoriale”».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.