La Liguria è la seconda regione italiana, dopo le Marche, dove c’è stata una maggiore variazione negativa sull’apertura di partite iva confrontando il 2020 con il 2019: -18,70%. Lo testimoniano i dati pubblicati sul sito del ministero dell’Economia e delle finanze.

Il numero di nuove partite iva si è fermato a 11.296 nell’anno del Covid.

La media nazionale è in calo del 14,85% ed escludendo quelle con domicilio fiscale ignoto (+21,23%) si va dal -5,3% del Veneto al -18,96% delle Marche.

Le province della Spezia, di Genova e Savona sono tra quelle dove il calo è stato particolarmente importante. Non che in tutta Italia sia andata meglio, visto che sono solo tre le province – Treviso, Gorizia e Verona – in cui il numero di partite iva è aumentato nel 2020.

Proprio dal portale del ministero si possono approfondire i dettagli per la Liguria

A livello provinciale si va dal -29,58% di Barletta-Andria-Trani al +12,60% di Treviso. Milano segna un -16,72%.

Per quanto riguarda i settori in Liguria prevale il commercio-riparazione di auto e moto, seguito dalle attività professionali, scientifiche e tecniche e dalle costruzioni. Oltre le mille aperture anche quello della sanità e assistenza sociale, mentre in altre regioni, per esempio, quest’ultimo è spesso superato dall’agricoltura, silvicoltura e pesca.

Il luogo di nascita di chi ha aperto una partita iva in Liguria è Asia e Oceania (281), America (364), Persone non fisiche (2.315).

La natura giuridica di queste nuove aperture è principalmente persone fisiche (8.981), società di capitali (1.659), società di persone (545), non residenti (69), altre forme giuridiche (42).

Ad aprire una partita iva sono stati 5.786 maschi e 3.195 femmine, oltre a 2.315 persone non fisiche.

Per quanto riguarda l’età, 4.098 sono sotto i 35 anni, 2.762 dai 36 ai 50 anni, 1.737 dai 51 ai 65 anni e 384 oltre i 65 anni.

Il ministero ha evidenziato che, a livello nazionale, il dato delle chiusure delle partite Iva nel corso del 2020 è comunque inferiore rispetto al 2019. Nel periodo gennaio-dicembre risultano 320.435 chiusure, rispetto alle 427.623 riscontrate nel corso del 2019. Questi dati vanno comunque interpretati con cautela per tre motivi: alcuni contribuenti potrebbero comunicare tardivamente l’avvenuta cessazione di attività nel 2020; il dato del 2019 potrebbe comprendere alcune cessazioni d’ufficio operate dall’Agenzia delle Entrate per non-operatività; spesso il contribuente non ottempera all’obbligo di chiusura della partita iva al momento della cessazione dell’attività.

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.