Si svolge oggi nell’ex convento dell’Annunziata la seconda giornata del Kick-Off Meeting, il convegno di lancio del progetto Clima – Cleaning Innovative Mediterranean Action: reducing waste to boost economies, che vede il Comune di Sestri Levante come ente capofila e il Comune di Mahdia in Tunisia, quello di Bikfaya in Libano, la Ong libanese Arc En Ciel, il Centre International de tecnologies de l’Environnement Citet e Cospe in qualità di partner operativi.

Il Kick-Off Meeting rappresenta il primo passo per il consolidamento di una rete di sinergie fra gli enti pubblici, privati e le ong coinvolti per il conseguimento di un obiettivo comune: lo smaltimento sostenibile dei rifiuti organici e la drastica riduzione della plastica e della produzione dei rifiuti.

Il Comune di Sestri Levante, in qualità di capofila del progetto, ha assunto l’impegno di migliorare ulteriormente le proprie strategie di raccolta sulla totalità del territorio per condividere buone pratiche con i Comuni di Mahdia e Bikfaya.

«L’attenzione all’ambiente – spiega Valentina Ghio, sindaco di Sestri Levante – è una questione prioritaria per l’amministrazione di Sestri Levante. Per questo siamo felici di partecipare al progetto Clima, un progetto di respiro internazionale la cui rilevanza si fonda soprattutto sulla rete di sinergia e collaborazione fra i tre Paesi partner».

Il progetto Clima costituisce, per i suoi partner, un’occasione per coinvolgere i propri cittadini in un cammino comune tra pubblico e privato attraverso la garanzia di un sostegno da parte dell’Unione Europea nello sviluppo di campagne di informazione e sensibilizzazione per promuovere la strategia Rifiuti Zero e l’economia circolare.

Durante questa seconda giornata operativa, saranno molti gli spunti di riflessione proposti dai relatori, tra cui i tecnici del servizio Ambiente di Regione Liguria e del Comune di Sestri Levante, che hanno illustrato l’agenda delle amministrazioni locali riguardo la riduzione della produzione dei rifiuti, a cui si aggiungono Alessio Ciacci, Marco Calcaprina e Santo Grammatico di Legambiente Liguria. Focus dei tre panel sarà lo sviluppo della strategia Zero Waste, attraverso strumenti come i Piani Municipali di Gestione dei rifiuti di nuova generazione, soluzioni tecnologicamente avanzate (come il Compost drum e 2 siti di compostaggio migliorati).

«Un recente rapporto – dichiara Lara Panzani, responsabile Maghreb per l’ong italiana Cospe –  ha sottolineato come ogni anno l’umanità intera consumi oltre 100 miliardi di tonnellate di materiali, una quantità enorme se si considera la capacità di carico del pianeta. Negli ultimi anni, mentre il consumo delle risorse è cresciuto dell’8%, il loro riutilizzo è sceso dal 9.1 all’8.6%. Per questo, come Cospe, abbiamo deciso di impegnarci nel progetto Clima, un partenariato mediterraneo fra Tunisia, Libano e Italia che prevede soluzioni innovative per il trattamento dei rifiuti organici».

Secondo Faiza BoBoukaber Ep Belkhir, sindaco di  Mahdia in Tunisia «l’obiettivo di questo progetto per la Tunisia è sicuramente la valorizzazione dei rifiuti organici, la creazione di una stazione di compostaggio, l’avvio di un processo di sensibilizzazione che induca le persone a fare la raccolta differenziata a casa e di valorizzazione del processo di gestione dei rifiuti».

Per Nicole Gemayel, sindaca di Bikfaya «il Comune di  Bikfaya in Libano ha dovuto affrontare una grave crisi riguardante i rifiuti nel 2015. Da quel momento in poi diverse problematiche sono state risolte ma resta  ancora  aperta la questione dei rifiuti organici. Grazie al progetto Clima pensiamo di poter ottenere le tecnologie ed expertise necessarie per affrontare al meglio la situazione e migliorare ancora».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.