L’anno scorso ad agosto erano 4 (ne avevamo parlato qui), oggi sono 19 gli interventi legati a enti culturali liguri iscritti al cosiddetto Art Bonus, il meccanismo che grazie a una legge del 2014 (la 106), favorisce il mecenatismo attraverso le erogazioni liberali che danno diritto a crediti d’imposta.

Gli iscritti dell’anno passato erano Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e il Teatro Carlo Felice a Genova, la pinacoteca Villa Carlina di Spotorno e Palazzo Borrelli, sede del Comune di Pieve di Teco.

Negli ultimi 12 mesi si sono aggiunti alla Spezia il Museo Tecnico Navale e l’archivio storico comunale, la valorizzazione del sito archeologico di Capo Don a Riva Ligure, il Parco di Villa Durazzo a Santa Margherita Ligure.

Per quanto riguarda Genova sono entrati nell’elenco il porticato inferiore di Levante del cimitero di Staglieno, il restauro delle fotografie storiche dello stesso cimitero, il Museo di Sant’Agostino (con, a parte il restauro degli affreschi di Valerio Castello e del Pallio bizantino di San Lorenzo),  il Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce, il Palazzo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, la Biblioteca del Conservatorio Paganini, le meridiane del Castello d’Albertis, il sacro catino nel museo del Tesoro di San Lorenzo, la riqualificazione tecnologica di Palazzo Rosso.

Per chi non può permettersi grandi cifre c’è anche la possibilità di finanziare il restauro di una sola delle tavole degli atlanti pubblicate da Ippolito Rossellini tra il 1832 e il 1834 dopo una spedizione in Egitto e trovate nei fondi della biblioteca Berio pesantemente danneggiate dopo la Seconda guerra mondiale. Il costo del restauro è di 50 euro a tavola.

Ogni intervento ha una scheda dettagliata in cui viene descritto sia a cosa servirà l’erogazione liberale sia lo stato delle donazioni. Sono in pochi ad avere avuto qualche riscontro per ora: sui 10,5 milioni necessari per il Teatro Carlo Felice, dopo gli 860 mila euro per la stagione 2015, nessuna donazione per l’attività didattica rivolta alle scuole, mentre per la stagione 2016 il contributo ricevuto è stato di poco più di un milione.

100 mila euro sono andati al Museo tecnico navale della Spezia per il nuovo allestimento della sala Polene, mentre ancora nessuna erogazione per l’impianto di climatizzazione della stessa, i contenuti audiovisivi e l’allestimento di saletta Marconi.

Dei 450 mila euro per la ristrutturazione del porticato di Staglieno, ne sono arrivati per ora 50 mila, mentre è stata raggiunta la cifra di 20 mila euro per il restauro delle fotografie. Completata anche la raccolta per il restauro degli affreschi di Valerio Castello: 5 mila euro.

Il Museo di Sant’Agostino ha raccolto 29.040 euro su 75 mila per il sostegno all’attività espositiva, divulgativa e didattica. 7.750 euro su 33 mila complessivi per la manutenzione straordinaria delle persiane del Museo di Villa Croce. Si aggira sulla stessa cifra l’erogazione ricevuta dall’Accademia ligustica per gli interventi di manutenzione straordinaria e protezione del Palazzo che costano circa 11 mila euro.

Per tutti gli altri interventi non ci sono ancora state donazioni.

Per saperne di più ecco il link al sito Art Bonus.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.