Il presidente della Regione Liguria si dice perplesso dello sciopero del pubblico impiego proclamato per il 9 dicembre.

«Nessuno mette in discussione le legittime rivendicazioni, né gli strumenti tipici del sindacato, come lo sciopero − spiega Giovanni Toti − Ma incrociare le braccia mentre la nazione è impegnata nello sforzo bellico contro il Covid è qualcosa che suona surreale. Anche un filo provocatorio verso tutti quei cittadini che vorrebbero lavorare ma non possono farlo perché le loro attività hanno le saracinesche chiuse per legge, per evitare che il virus si espanda e dunque per difendere dal contagio anche coloro che il 9 dicembre sciopereranno».

Secondo Toti, che ha esternato le proprie perplessità su Facebook, il Covid, che la scorsa primavera ha unito «oggi sta dividendo sempre di più questo Paese: ci sono persone garantite, che nonostante il virus ricevono ogni mese il loro stipendio, e persone costrette a non lavorare per tutelare la salute di tutti. E sono proprio loro, i non garantiti, che meritano rispetto e attenzione».

Il presidente della Regione Liguria cita l’ammiraglio Nelson ai marinai inglesi prima della battaglia di Trafalgar: «In questo momento cruciale, la nazione si aspetta che ogni uomo faccia il suo dovere fino in fondo. Scioperare, proprio nel ponte dell’Immacolata, non mi sembra all’altezza del ruolo che sindacati e lavoratori hanno avuto nella nostra storia. Torniamo uniti».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.