Abbiamo proprio voglia di mare e di sole, dopo mesi di clausura. Ora siamo liberi di andare alla spiaggia, nuotare e dedicarci a quegli sport che in mare sono praticabili. E per completare il piacere di questo ritorno a un elemento che tanti di noi amano  possiamo gustarci un piatto che del mare ci porta a casa il profumo: la pasta con la bottarga.

La bottarga è ricavata dall’essiccazione, dalla compressione e dalla salatura di uova di muggine o di tonno. Quella di tonno ha un sapore più deciso rispetto a quella di muggine. In Italia, le principali zone di produzione sono la Sicilia,  la Sardegna  e la Calabria. In Liguria questo preparato è   ben conosciuto  ed è, tra l’altro,  uno degli ingredienti del condiggion   (https://liguria.bizjournal.it/2019/07/condiggion-insalata-ricca-alla-ligure/)

Entrambi i tipi, di muggine o di tonno,   si trovano in commercio sotto forma di baffe (sacche ovariche) intere o a pezzi, compatte,  e posono essere consumate grattugiate oppure tagliate a fettine sottilissime. Possiamo grattugiarle noi oppure acquistarle già grattugiate in vasetti o bustine. In genere quella grattugiata sul momento è più profumata ma esistono in commercio anche ottimi prodotti di bottarga confezionata in polvere.

Quale bottarga preferire, di muggine o di tonno? Dipende dai gusti, provatele entrambe. Quanto alla pasta, di solito per questa ricetta si usano gli spaghetti ma vanno bene anche i tagliolini o la pasta corta, ognuno può usare la sua preferita.

Ingredienti. In alcune regioni alla bottarga si uniscono altri ingredienti, come zafferano, pane grattato, pomodoro, scorza di limone o d’arancia grattata. Qui riportamo quella che abbiamo visto in uso il Liguria, che prevede, semplicemente, olio, bottarga, prezzemolo, sale e  pepe. Più o meno in queste proporzioni: per sei etti di spaghetti, 200 grammi di bottarga grattugiata.

C’è chi fa riscaldare la bottarga nell’olio ma a noi non sembra necessario, anzi si rischia di alterare il sapore di questo ingrediente, che è delicato. Procedete così: quando la pasta è cotta, conditela con l’olio che vi sembra sufficiente e (poco) sale e versate la bottarga, mescolando bene. Controllate la sapidità. Poichè la bottarga è già salata non dovrebbe occorrere altro sale, comunque è bene fare un assaggio. Aggiungete un po’ di pepe, possibilmente macinato sul momento, e prezzemolo tritato. C’è chi mette in cima al piatto qualche lamella di bottarga e non ci sentiamo di dargli torto.

Potete accompagnare questo piatto con un  Riviera Ligure di Ponente Pigato Albenganese.

Placet experiri!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.