Facile.it e Mutui.it: «In Liguria cresce la richiesta media di mutui casa»

«In media si è chiesto 131.803 euro, vale a dire il 3,3% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno »

Facile.it e Mutui.it: «In Liguria cresce la richiesta media di mutui casa»

Aumenta l’importo medio richiesto dai liguri per un mutuo, secondo l’analisi di di Facile.it e Mutui.it, realizzata su un campione di quasi 11mila richieste di mutuo raccolte nella regione.

Dall’analisi risulta che nei primi sette mese del 2022 gli aspiranti mutuatari della Liguria hanno puntato ad ottenere, in media, 131.803 euro, vale a dire il 3,3% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il 2022 è stato caratterizzato da un aumento dei tassi di interesse ma, nonostante questo, nella regione si continuano a chiedere finanziamenti per l’acquisto di un immobile; i rincari hanno però spinto molti aspiranti mutuatari a valutare nuove tipologie di mutuo tanto è vero che, a luglio 2022, il 34% delle domande di finanziamento raccolte da Facile.it in Liguria e presentate alle banche era per un mutuo a tasso variabile con cap, percentuale notevole se si considera che fino a pochi mesi fa 9 richiedenti su 10 puntavano al fisso.

«Oggi – spiega spiega Ivano Cresto, managing director Prodotti di finanziamento di Facile.it – le opzioni a disposizione dei consumatori sono più numerose rispetto al passato; oltre al tasso fisso e variabile si stanno diffondendo rapidamente soluzioni ibride come, ad esempio, i mutui variabili con cap, che prevedono un’oscillazione degli interessi ma con un tetto massimo per la rata mensile». «Si tratta di prodotti più complessi e meno conosciuti rispetto a quelli tradizionali e per questo il consiglio è di affidarsi a consulenti esperti che sappiano guidare il richiedente nella scelta della soluzione più adatta».

Secondo l’analisi di Facile.it e Mutui.it le richieste di mutui a tasso fisso nel mese di luglio sono calate al 24% del totale, mentre la quota di quelle a tasso variabile si è attestata intorno al 41%. Cambia l’identikit del richiedente tipo; l’età media di chi ha presentato domanda di mutuo in Liguria nei primi sette mesi del 2022 era pari a 38 anni, valore in netto calo rispetto ai 41 anni e mezzo rilevati nel 2021. A incidere sul calo dell’età media è stato l’aumento dei richiedenti under 36 liguri che, nei primi sette mese dell’anno, hanno rappresentato il 51% della domanda. La durata media dei mutui è salita a 25 anni (era 22 e mezzo lo scorso anno); in calo, invece, il valore degli immobili oggetto di mutuo, sceso a circa 182.025 euro (-5%).

L’andamento provinciale

Guardando alla richiesta dei mutui a livello provinciale emerge un andamento differenziato.

La provincia che, nei primi sette mesi del 2022, ha registrato l’aumento più importante è quella di Genova, dove l’importo medio richiesto dagli aspiranti mutuatari è cresciuto del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2021, stabilizzandosi a 126.913 euro.

Seguono nella graduatoria ligure Savona, che ha registrato un aumento del 3,1% (145.663 euro) e, a brevissima distanza, La Spezia (+3,0%, 132.820 euro).

In valori assoluti, la provincia di Savona è quella dove, in media, si sono chiesti mutui di importo più elevato; Genova quella dove la richiesta media è stata più contenuta.

Tassi in crescita

Sul fronte dei tassi, i primi sette mesi del 2022 sono stati caratterizzati da un aumento del costo dei finanziamenti per la casa è aumentato. Secondo le simulazioni* di Facile.it, per un mutuo medio a tasso fisso (126.000 euro in 25 anni, LTV 70%) i tassi disponibili oggi online partono da circa il 2,60% (Taeg) con una rata mensile di 557 euro, vale a dire circa 85 euro in più rispetto allo scorso anno (ovvero 26mila euro in più di interessi se si considera l’intera durata del finanziamento). Se si guarda invece al variabile, i tassi disponibili online per la simulazione sopra indicata partono da 1,29% (Taeg), con una rata iniziale da 480 euro, vale a dire circa 30 euro in più rispetto a dodici mesi fa.

Gli indici dei tassi variabili con cap disponibili oggi online, infine, partono da 1,80% (Taeg), con una rata iniziale da 503 euro.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here