Hanno chiuso in rialzo le Borse europee, incoraggiate dall’andamento positivo di Wall Street, a sua volta spinta dalle trimestrali superiori alle attese e dal dato sulla disoccupazione, sceso ai minimi dall’inizio della pandemia. Il Ftse 100 di Londra segna +0,92%, l’Ibex 35 di Madrid +0,53%, il Cac 40 di Parigi +1,35%, il Dax 40 di Francoforte +1,39%, il  Ftse Mib di Milano +1,23%. Moderato calo dello spread Btp/Bund, attestato su 107 punti (-0,30%).

A Piazza Affari spicca il crollo del titolo di Leonardo (-7,05%), sceso improvvisamente nell’ultima ora di scambi, fino ad essere messo in asta di liquidità, per qualche minuto, a seguito di indiscrezioni stampa, rilanciate da Bloomberg, secondo cui Boeing starebbe riscontrando difetti su parti del 787 Dreamliner fornite dal colosso aerospaziale italiano. Brillano Banco Bpm (+4,33%) grazie a un report favorevole di Jeffrie, Fineco (+3,7%) che ha ricevuto richieste per oltre 2,15 miliardi per l’emissione da 500 milioni di Fineco, Interpump (+2,94%).

Sul fronte dei cambi, l’euro viene scambiato a 1,1585 dollari (da 1,1570 ieri) e a 131,64 yen (131,24), mentre il dollaro/yen si attesta a 113,62.

Stabile il petrolio nel giorno della diffusione dei numeri sulle scorte Usa, salite oltre le attese, di +6,088 milioni di barili a 426,975 milioni di barili. Il Wti, contratto di novembre, vale 80,5 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.