È stato presentato oggi a Genova, al Blue District di via del Molo il progetto Nowtilus – Sea Innovation Hub, il percorso dedicato al sostegno dell’innovazione e delle tecnologie dell’economia del mare.

La call for ideas, partita ad aprile,  ha una durata di quaranta giorni, fino al 5 giugno.

Entro metà giugno saranno selezionati i progetti più interessanti, che parteciperanno al programma di incubazione, previsto nel periodo tra il 21 giugno e il 10 ottobre. Le idee scelte usufruiranno di un percorso di business training, mentoring, tutorship, oltre che di workshop e di testimonianze di professionisti ed esperti del settore. Al termine del programma, nell’Investor day, i progetti saranno presentati a una platea di potenziali investitori.

Le categorie della call for ideas si focalizzano su 4 macroaree, con il comune denominatore dell’economia del mare: cantieristica (materiali innovativi, manutenzione AR/VR, smart yard, safety at work, ottimizzazione / digitalizzazione processi); logistica & shipping (autonomous shipping, optimize sailing, smart ship, tecnologia blockchain per credito documentale, digitalizzazione servizi); sostenibilità ed energie rinnovabili (monitoraggio e riduzione delle emissioni, sostenibilità materiali, pulizia del mare, cold ironing, efficienza energetica); turismo (destination management, valorizzazione territorio, tracking & tracing ospiti, servizi di ospitalità, viaggiare sicuri).

«Ospitiamo con piacere – ha spiegato l’assessore allo Sviluppo portuale e logistico del Comune di Genova Francesco Maresca – la presentazione di un’iniziativa che ha l’obiettivo di accompagnare start up e idee imprenditoriali nell’ambito della blue economy che coniughino l’innovazione con la sostenibilità ambientale. Il Blue district è la casa dell’economia del mare e nasce proprio con lo scopo di fare rete e condividere idee che possano crescere sul nostro territorio, valorizzandone la vocazione marittima, creando un ecosistema di competenze che mettano in contatto mondo della ricerca, imprenditoria e istituzioni. Dalla collaborazione con Wylab e Crédit Agricole potranno nascere occasioni di lancio di progetti sull’economia del mare».

«Siamo orgogliosi di essere promotori di questa iniziativa – commenta Silvano Piacentini, responsabile direzione regionale Liguria di Crédit Agricole Italia – che per Crédit Agricole Italia rappresenta un veicolo con cui supportare concretamente le necessità del territorio in un contesto imprenditoriale, l’economia del mare, oggi protagonista di una crescita importante. Nowtilus – Sea Innovation Hub è un progetto creato all’interno del nostro Comitato Territoriale Liguria, l’organismo nato con l’obiettivo di rafforzare l’interazione con i principali stakeholder locali, e attraverso il quale Crédit Agricole Italia si rapporta direttamente con gli imprenditori e i rappresentanti del territorio, per raccogliere idee e proposte e trasformarle in interventi dedicati. Questo percorso triennale lo dedichiamo a imprese giovani e innovative, con l’obiettivo di scoprire e sostenere il loro potenziale, a beneficio di tutta la regione, grazie anche al network internazionale di Crédit Agricole e al forte coinvolgimento degli investitori, delle istituzioni e delle grandi aziende locali. Cerchiamo giovani che abbiano idee e voglia di crescere in un percorso di almeno tre mesi per aiutarli. Siamo molto soddisfatti di questa iniziativa e riteniamo che il progetto non debba finire in tre anni».

Federico Smanio, ceo di Wylab, osserva: «Nowtilus-Sea Innovation Hub rappresenta un passo concreto verso la creazione, in Liguria, di un centro di innovazione pensato per individuare e sostenere i talenti e le idee più brillanti in ambito di economia del mare. Siamo estremamente orgogliosi di aver aiutato Crédit Agricole Italia e Fondazione Carispezia a disegnare questo progetto che definisco tanto ambizioso quanto potenzialmente dirompente. La bontà della nostra idea è confermata dalla pronta ed ampia adesione di 8 importanti aziende del settore che sono entrate a far parte del Club dei partner, allo stesso tempo destinatarie e sostenitrici dell’innovazione prodotta dai team selezionati. Siamo pronti a mettere in campo l’esperienza acquisita in 5 anni di intenso lavoro come incubatore di startup, in un percorso che si inquadra perfettamente nella visione di Wylab, quella di offrire un luogo, strumenti, metodi e persone a supporto dell’innovazione e dell’imprenditorialità della Liguria».

Il progetto è nato all’interno del Comitato Territoriale Liguria, l’organismo voluto e promosso da Crédit Agricole Italia per supportare la crescita del territorio rafforzando l’interazione con i principali stakeholder. L’iniziativa, patrocinata da enti pubblici e soggetti privati, ha come promotori: Crédit Agricole Italia, Fondazione Carispezia, Wylab e Le Village by Crédit Agricole Milano. L’intento è realizzare un incubatore temporaneo che rappresenti il primo vivaio dell’innovazione, in grado di scoprire e formare i futuri talenti e di lanciare le idee più promettenti in Liguria, a tutti gli effetti un perfetto laboratorio naturale di sperimentazione per l’economia del mare.

Il focus sono le idee, i progetti, le iniziative in fase “early stage”, con applicazione sull’economia del mare. Centro nevralgico di Nowtilus – Sea Innovation Hub è La Spezia, e coinvolge il corridoio tirrenico fino a Genova per un progetto che, nell’intenzione dei promotori, vuole aprirsi a livello nazionale.

Saranno coinvolte le grandi aziende del territorio (in qualità di mentor, sponsor e potenziali clienti delle startup) e si cercheranno le idee più promettenti da acquisire o integrare attraverso uno specifico percorso di incubazione.

Nowtilus – Sea Innovation Hub, il cui nome richiama il mitico fossile Nautilus e quindi la tradizione, ma con il prefisso Now che sta invece ad indicare la modernità, il senso del cogliere l’attimo e la vision verso il futuro, vuole essere complementare ai soggetti e alle iniziative già presenti in Liguria sul tema dell’economia del mare, come Blue District – Casa della Tecnologia, Programma Digital Europe, Centro del Mare, Ocean Race, Progetto Ma.Re.

Gli obiettivi

Con un orizzonte temporale fissato a tre anni, si propone di:

● Diffondere la cultura imprenditoriale, l’innovazione e la digitalizzazione in Liguria.

● Coinvolgere l’ecosistema dei porti in un percorso di innovazione senza eguali nel nostro Paese.

● Identificare nuove tecnologie applicabili al comparto marittimo.

● Sostenere il sistema dell’innovazione e delle start up in Liguria.

● Creare sinergie con le parti coinvolte per la risoluzione delle sfide che accomunano il settore.

● Porre le basi per lo sviluppo di un ecosistema votato all’innovazione dell’economia del mare.

Nel primo anno l’obiettivo è valutare l’impatto che il programma può generare (validazione), nel secondo anno è atteso l’effetto del potenziale di innovazione (accelerazione) e nel terzo si auspica di vedere più startup e aziende corporate coinvolte, con un aumento d’interesse a livello sia nazionale che internazionale (sviluppo).

I partner

● Partner istituzionali dell’iniziativa sono: Regione Liguria, Città della Spezia, Confindustria Liguria e Confindustria La Spezia.

● Gli abilitatori sono: DIH – Digital Innovation Hub Liguria, Leyton, Polo Universitario Guglielmo Marconi, Università di Genova e Istituto Italiano di Tecnologia (IIT).

● Le 8 aziende sostenitrici che formano il Club dei Partner, Euroguarco, San Lorenzo, Costa Crociere Foundation, Duferco, Laghezza Customs & Logistics, Canarbino, Tarros Group, Rina, avranno un importante ruolo nell’arco dell’intero percorso, indirizzando la call attraverso l’indicazione delle sfide di business più rilevanti, entrando in gioco nella fase di scouting e selezione dei progetti, partecipando con i propri mentor ed esperti al programma di incubazione. Infine sarà possibile l’attivazione di progetti pilota con i team che avranno superato l’intenso business training previsto dal programma.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.