Rinviata di un anno (al 2021), causa epidemia da Covid-19, l’Ocean Race, la regata attorno al mondo, che avrà Genova come tappa finale, sarà presentata nella 60ª edizione del Salone Nautico.

Paolo Verri, manager di strategie e processi urbani, turistici e culturali, ricoprirà la carica di executive director. Negli anni Novanta, è stato il direttore del Salone del Libro di Torino, città in cui è nato nel 1966 e in cui ha diretto anche il piano strategico dal 2000 al 2006 e, nel contempo, le attività di avvicinamento e lo sponsor village nel corso delle Olimpiadi invernali. Dal 2007 al 2011 ha diretto i festeggiamenti dell’Unità d’Italia e dal 2011 al 2020 ha lavorato a Matera, prima coordinando la candidatura vincente della città lucana a capitale europea della cultura, poi dirigendone tutti gli eventi tramite l’apposita Fondazione. Ha lavorato anche ad Expo Milano 2015 come responsabile del palinsesto eventi del Padiglione Italia. È docente a contratto presso l’Università Cattolica di Milano e allo IULM ed ha svolto importanti consulenze sul tema dello sviluppo urbano collegato ai grandi eventi.

Luca Di Liberto ricoprirà il ruolo di program manager e domain expert. Luca Di Liberto ha avuto un ruolo chiave nell’accettazione da parte di The Ocean Race di scegliere quale tappa finale Genova. Di Liberto, nato a Genova nel 1953, ha dedicato la sua vita non professionale alla vela: in mare da quando aveva 13 anni, fra gli anni Settanta e Ottanta partecipa alle più importanti competizioni sportive nazionali e internazionali, diventando successivamente istruttore federale e giudice di regata. A fianco di questa grande passione per la vela, dagli anni Ottanta è manager riconosciuto e stimato nel settore della produzione per il trasporto di fluidi industriali, con partner internazionali di cui rappresenta i prodotti innovativi per il mercato italiano.

Sergio Biffi sarà il direttore commerciale. Biffi ha grande esperienza negli eventi essendo stato procurement director in Expo 2015 spa e dirigente appalti e contratti per Arexpo spa che si è occupata della legacy del grande evento milanese. Laureato in Giurisprudenza, ha svolto la prevalente attività professionale in ruoli manageriali e di consulenza in società pubbliche di livello nazionale ed internazionale, tra cui Amsa spa (Gruppo A2A); ha inoltre ricoperto cariche di consigliere delegato e direttore generale in primarie aziende private di livello nazionale nel settore ambientale.

Il team avrà come riferimento uno steering committee (comitato strategico) che lo aiuterà nel coordinare le attività per l’organizzazione e la promozione di Genova The Grand Finale.

Fanno parte dello steering commitee, oltre allo stesso Di Liberto, Riccardo Simoneschi, già per molti anni direttore sportivo dello Yacht Club Italiano che si occuperà di formare un equipaggio con base a Genova; Gerolamo Bianchi, presidente dello Yacht Club Italiano;
Mauro Ferrando, presidente di Porto Antico; Barbara Grosso, assessore alle Politiche culturali, politiche dell’istruzione, politiche per i giovani del Comune di Genova; Pietro Piciocchi, assessore al Bilancio, lavori pubblici, manutenzioni, verde pubblico del Comune di Genova e Alfredo Viglienzoni, direttore generale operativo tecnico e direttore tecnologia ed innovazione del Comune di Genova.

Compito del comitato sarà quello di agevolare le attività di coordinamento degli eventi, di portare la manifestazione all’attenzione di tutti i soggetti potenzialmente coinvolgibili e interessati sia pubblici che privati, sia italiani che stranieri.

Il team di Genova The Grand Finale di The Ocean Race opererà nei nuovi spazi dei Magazzini dell’Abbondanza, diventando parte integrante del costituendo distretto della Blue Economy.

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.