Genova, all’ospedale Galliera si parla di ictus e linguaggio

    Quando:
    11 novembre 2019 09:30@09:30 Europe/Rome Fuso orario
    2019-11-11T09:30:00+01:00
    2019-11-11T09:45:00+01:00
    Dove:
    Ospedale Galliera, salone dei congressi
    via Volta 8
    Genova

    Ospedale Galliera e Alice (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale) hanno organizzato per lunedì 11 novembre, alle 9,30, nel salone dei congressi dell’ospedale (via Volta 8, primo piano), un incontro dal titolo “Parliamo di… Ictus & Linguaggio”. L’iniziativa nasce nell’ambito della giornata mondiale contro l’ictus cerebrale.

    L’ictus è stato definito dal presidente della Federazione mondiale di Neurologia la “nuova epidemia”. La nostra regione è particolarmente colpita da questa malattia, in quanto strettamente legata all’età: si calcola che ogni giorno in Liguria vi siano almeno 15 nuovi casi di ictus. Intervenire precocemente, riconoscendo i sintomi, chiamando i soccorsi ed effettuando le corrette terapie, consente non solo di ridurre il rischio di mortalità, ma soprattutto gli esiti, spesso invalidanti, di questa malattia.

    I disturbi del linguaggio colpiscono circa il 40% delle persone con ictus. Sono dovuti a una lesione dell’emisfero dominante dove si trovano i centri del linguaggio. Su questi disturbi è possibile intervenire in diversi modi tra cui la riabilitazione specifica, che viene svolta da logopedisti. È importante fare una diagnosi precoce già nelle prime fasi dell’ictus e impostare il percorso riabilitativo il prima possibile.

    Interverranno Massimo Del Sette, direttore di Neurologia dell’ospedale, Nicoletta Reale, presidente Alice Italia, Carlo Gandolfo, professore di Neurologia all’Università di Genova; Gianni Ansaldi, regista e fotografo; Daniela Fossa, logopedista dell’ospedale, Micol Favara collaboratore professionale sanitario e Ilaria Gallizia volontaria Alice Liguria.

    LASCIA UNA RISPOSTA

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.