Nasce il Premio Letterario Liguria Terra di Emozioni, i vincitori faranno parte di un audiolibro donato ai non vedenti

È stato ideato e organizzato dal Rotary Club Genova San Giorgio. Hanno aderito tutti gli 11 club Rotary genovesi

È nato il “1° Premio Letterario Rotary Genova San Giorgio – Liguria Terra di Emozioni” ideato e organizzato dal Rotary Club Genova San Giorgio e a cui hanno aderito tutti gli 11 club Rotary genovesi.

Il Premio, che ha il Patrocinio della Regione Liguria e del Comune di Genova, ha un importante scopo benefico: i 10 racconti vincitori e i 3 racconti donati dai tre scrittori genovesi Carlo A. Martigli, Sara Rattaro e Bruno Morchio, diventeranno un audiolibro, con le letture dei racconti da parte dei rotariani genovesi e sarà donato all’Uici -Cnpl Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – Centro Nazionale del Libro Parlato e rimarrà per sempre ad uso di chi accederà al loro sito. La responsabile del Cnpl Francesca Ferraro ha accolto con grande entusiasmo il progetto.

I racconti diventeranno anche un libro, che verrà pubblicato in 2000 copie, che saranno donate dai rotariani in visita agli ospiti di alcune case di riposo genovesi. Infine, martedì 18 febbraio 2025 alle ore 18.00 in Via Garibaldi 3 presso la sede di Banca Patrimoni Sella, la presentazione del “1° Premio Letterario Rotary Genova San Giorgio – Liguria Terra di Emozioni” alla città, alla presenza delle autorità cittadine e di tutti i Rotary genovesi.

I racconti che devono trasmettere le emozioni che la Liguria suscita anche a chi non la può vedere devono pervenire entro il 30 Settembre 2024 presso la segreteria del Rotary Club Genova San Giorgio all’email genovasangiorgio@rotary2032.it.

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti i cittadini italiani nonché a tutti i cittadini membri della Comunità Europea maggiorenni. Per maggiori informazioni sul premio cliccare qui.

«La Regione Liguria ospita la presentazione del ‘Premio Letterario Rotary Genova San Giorgio’ come esempio concreto di valorizzazione degli autori e delle autrici liguri − commenta il presidente ad interim della Regione Liguria Alessandro Piana − si tratta dell’avvio di un nuovo percorso che intende arricchire la voce della Liguria nella letteratura italiana, raccogliendo idealmente le esperienze librarie del Salone del Libro di Torino 2024 e di Genova Capitale Italiana del Libro 2023. Le collaborazioni con l’Uici e il Centro Nazionale del Libro Parlato rendono inoltre il progetto inclusivo e comunitario. Questo dimostra l’impegno del Rotary Club Genova San Giorgio verso l’accessibilità della letteratura, affinché i libri siano sempre di più un bene comune».

«Siamo davvero molto contenti come Comune di Genova- dichiara l’assessore alle Tradizioni cittadine Paola Bordilli − della istituzione del Premio Letterario Rotary Genova San Giorgio – Liguria Terra di Emozioni.  Progettare, gestire e impegnarsi in progetti di cultura come sta facendo oggi il Rotary, che ringrazio per la sua costante presenza e supporto nella nostra città, significa promuovere la creatività e contribuire alla ricchezza e all’identità di una comunità. Attraverso la cultura, e in particolar modo la letteratura, siamo in grado di esplorare la ricchezza della diversità umana, ed è per il Comune di Genova importante appoggiare un progetto che, tra scrittori, rotariani, unione ciechi ed ipovedenti e case di risposo, coinvolgerà moltissime persone e darà un contributo concreto alla valorizzazione sempre più diffusa della letteratura».

«I rotariani mettono a disposizione le proprie competenze donando la loro voce a favore del Centro Nazionale del Libro Parlato − commenta la presidente Lucia Aliverti − questo vuole essere un progetto aggregante, coinvolgente, solidale ed inclusivo a cui parteciperanno infinite persone, sia nella fase del concorso, che è esteso a tutto il territorio italiano, sia nella fase di registrazione dell’audiolibro, a cui parteciperanno tutti i rotariani di Genova, sia nella fase di pubblicazione sul sito Cnpl , dove gli audio saranno ascoltati da milioni di persone per infiniti anni. Vogliamo che le forti emozioni che suscita il nostro territorio vengano scritte e ci vengano inviate, vogliamo stamparle sulla carta ed imprimerle negli audio e vogliamo divulgarle soprattutto ai più fragili. Vogliamo donare gioia attraverso la nostra voce».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here