Incertezza sui mercati dopo le elezioni francesi, Milano termina comunque positiva grazie ai bancari

La chiusura della giornata finanziaria in Italia e in Europa

Chiusura in lieve rialzo per la Borsa di Milano con il Ftse Mib che ha terminato a +0,17% (34.046 punti). L’all share ha chiuso in linea a +0,15% (36.281 punti). Sotto la parità il Ftse Italia Growth (-0,33% a 8.090 punti). Sugli scudi i titoli bancari con Bper migliore del listino (+4,21%), seguita da Monte Paschi (+2,89%) e Popolare di Sondrio (+2,47%). In calo Saipem (-2,37%), Campari (-2,35%) ed Erg (-2,33%).

C’è incertezza in Europa dopo il voto in Francia. La Borsa peggiore è stata quella di Parigi, che ha ceduto lo 0,6%, con Londra a -0,1% e Francoforte piatta.

Prezzo del petrolio in calo: il Wti lima a 82,36 dollari al barile (-0,96%), mentre il Brent segna 85,8 dollari al barile (-0,86%).

Cambio euro dollaro sostanzialmente stabile a 1,08289 (+0,08%), stessa percentuale per l’euro-yen a 174,098.

Lo spread tra Btp decennale italiano e corrispondente Bund tedesco ha terminato a 137 punti base (-2,36%), il rendimento è a +3,88%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here