Cinghiali, Alessandro Piana: «Raddoppiati gli abbattimenti e rafforzate le misure di controllo»

Le misure illustrate da Alessandro Piana nel suo intervento davanti agli agricoltori della Coldiretti, questa mattina in piazza De Ferrari

Un piano di risarcimento danni da ungulati che ha visto l’erogazione dal 2019 al 2023 di 1,1 milioni di euro, a cui si aggiungono 3 milioni di euro erogati dal 2019 dal Piano di sviluppo rurale per opere di prevenzione dei danni da fauna selvatica, per la tutela delle attività produttive e la conservazione della biodiversità, oltre a un progetto portato avanti con l’Università di Genova per la realizzazione di recinzioni comprensoriali in diversi Comuni liguri. Sono queste alcune delle misure adottate da Regione Liguria nell’ambito del lavoro svolto per contrastare le criticità causate dalla presenza dei cinghiali sul territorio e illustrate dal presidente ad interim della Regione Liguria Alessandro Piana nel corso del suo intervento davanti agli agricoltori della Coldiretti, questa mattina in piazza De Ferrari.

«Comprendiamo le ragioni della protesta – ha detto Piana – la Regione è impegnata a ricevere le richieste degli agricoltori e a trovare una soluzione. Riteniamo da sempre che gli imprenditori agricoli siano un punto di riferimento importante per l’ambiente, per i consumatori, per il turismo e per l’economia in generale. Vogliamo ricordare che siamo stati la prima Regione ad aver autorizzato l’autoconsumo dei capi sani nelle zone colpite dalla PSA, per incentivare l’abbattimento. Fondamentale il lavoro svolto dal Nucleo regionale di Vigilanza faunistica-ambientale nelle attività di controllo faunistico, che ha raddoppiato gli abbattimenti. Il nostro obiettivo è quello di dirigere i finanziamenti verso le opere di prevenzione, molto più utili rispetto al risarcimento danni, e stiamo lavorando per accelerare l’erogazione degli indennizzi per andare incontro alle legittime richieste dei coltivatori. Importanti risorse, pari a 200 mila euro, sono state inoltre destinate ad incentivare le attività di depopolamento ad opera dei cacciatori e degli ambiti territoriali di caccia».

«Il lavoro svolto in questi mesi – ha concluso Piana – è stato continuo e, anche se il numero di cinghiali abbattuti non corrisponde esattamente a quanto previsto, ci impegneremo a rafforzare ulteriormente tutte quelle misure che aumentano la sicurezza e che sono necessarie ai nostri coltivatori».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here