Tecnologia inclusiva: dal braccialetto Abbi all’app SoBu per superare le barriere della disabilità

Il 5 giugno alle ore 17.30 alla Città dei Bambini e dei ragazzi di Genova l'evento organizzato da Ucid, Iit e Federmanager Liguria

L’Unione cristiana imprenditori e dirigenti (Ucid) Liguria, in collaborazione con la Unit for Visually Impaired People (U-Vip) dell’Istituto italiano di tecnologia (Iit) e Federmanager Liguria, organizza l’evento “L’impatto della tecnologia inclusiva sulla società”, che si terrà mercoledì 5 giugno 2024 alle ore 17.30 presso la Città dei Bambini e dei ragazzi a Genova.

L’incontro è realizzato per sottolineare il ruolo cruciale delle innovazioni tecnologiche nel promuovere l’inclusione sociale. Infatti, lo sviluppo di queste tecnologie è essenziale per garantire che ogni individuo, indipendentemente dalle proprie capacità fisiche, possa partecipare attivamente alla vita sociale e culturale.

Nello specifico, durante l’evento si parlerà di tecnologie che hanno come obiettivo quello di far superare le barriere imposte dalla disabilità visiva come il braccialetto Abbi (Audio Bracelet for Blind Interaction) e l’applicazione SoBu, esempi vincenti di come l’innovazione tecnologica possa facilitare l’inclusione e migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità visiva.

Abbi, sviluppato dalla U-Vip con il sostegno dell’Unione europea, è un dispositivo che utilizza il feedback audio-motorio per aiutare i bambini non vedenti a percepire il movimento del proprio corpo. Questo braccialetto è un passo fondamentale verso il miglioramento delle capacità motorie e della percezione spaziale, contribuendo significativamente all’autonomia e all’integrazione sociale dei giovani utenti.

Sulla scia di Abbi, il gruppo U-Vip ha introdotto il progetto di startup SoBu, un’applicazione compatibile con smartphone e smartwatch che trasforma i principi del braccialetto in un formato più accessibile e scalabile. SoBu offre giochi interattivi che combinano movimenti con suoni e vibrazioni, incoraggiando l’interazione sociale e la motricità in maniera divertente e coinvolgente. L’obiettivo è permettere ai bambini non vedenti di partecipare ai giochi tipici dell’infanzia, superando così le barriere della disabilità visiva.

L’evento vedrà la partecipazione di figure istituzionali e specialisti nel campo della tecnologia e dell’inclusione sociale. Apriranno l’incontro gli interventi di Mons. Marco Tasca, Arcivescovo Metropolita di Genova, Alessio Piana, Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Liguria, Marta Brusoni, Assessore al Personale, Politiche dell’Istruzione, Servizi civici, Informatica del Comune di Genova, Enrico Costa, Presidente Ucid Liguria, Beppe Costa, Presidente e Amministratore Delegato di Costa Edutainment Spa. Seguiranno gli interventi dei fondatori di SoBu: Walter Setti (ceo), Nicolò Balzarotti (cto), e Davide Esposito (coo), che illustreranno le caratteristiche e i benefici dell’app. Inoltre, Monica Gori, Principal Investigator della Unit for Visually Impaired People di Iit e Advisor Scientifico di SoBu, ed Elena Cocchi, responsabile del Centro di Riabilitazione Visiva presso l’Istituto “Chiossone” di Genova, approfondiranno il contributo delle tecnologie inclusive. Saranno presenti anche due persone non vedenti che condivideranno le loro esperienze personali, testimoniando i benefici ottenuti grazie all’utilizzo della tecnologia di Iit. Chiuderà l’incontro Luca Barigione, presidente di Federmanager Liguria.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here