Food for Gaza, in partenza il primo carico di aiuti alimentari di Coldiretti e Filiera Italia

La missione è stata organizzata ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale

Food for Gaza è il primo carico di aiuti alimentari per la popolazione palestinese sostenuto da Coldiretti e Filiera Italia. La missione è stata organizzata dal vicepresidente del Consiglio e ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, che ha voluto coinvolgere la Fao, la protezione civile, la Croce Rossa Italiana e la principale organizzazione agricola d’Europa, Coldiretti.

Insieme a Filiera Italia, in un centro raccolta messo a disposizione da Coldiretti, si sono raccolti i pacchi che sono stati mandati alla popolazione bisognosa di Gaza. «Parte da qui – hub di smistamento di Coldiretti a Nepi (Viterbo) il primo carico di aiuti raccolti per Gaza, nell’ambito dell’iniziativa Food for Gaza», spiegano Gianluca Boeri e Bruno Rivarossa, presidente di Coldiretti Liguria e delegato Confederale.

Riso, lenticchie, fagioli e passata di pomodoro sono solo alcuni dei prodotti che saranno inviati alle popolazioni in difficoltà. Sono alimenti prodotti in Italia e donati dalle aziende di Coldiretti e Filiera Italia. All’incontro, che si è tenuto presso uno degli, diventato centro di raccolta dell’iniziativa, erano presenti anche il presidente di Coldiretti Ettore Prandini e l’amministratore delegato di Filiera Italia Luigi Scordamaglia, oltre che i rappresentanti di Fao, World Food Program, Ficross e Protezione Civile, tutti partner di “Food for Gaza”.

«Come Coldiretti è molto importante poter collaborare con il ministero degli Esteri e le altre organizzazioni in questa grande operazione di solidarietà – proseguono Boeri e Rivarossa, – Siamo in un momento di profonda crisi e soprattutto di emergenza: questo è infatti il primo nostro passo, ma non sarà l’ultimo. L’obiettivo primo è alleviare e lenire come possiamo una sofferenza umanitaria che ci coinvolge tutti, in primis come esseri umani. Poi, data la situazione di gravissima insicurezza alimentare, non appena la situazione lo consentirà ci impegneremo per dare aiuti concreti e a lungo termine ai fini di aiutare come possibile quella che sarà la ripresa di un intero paese, afflitto nella popolazione e nei propri territori. Per ora continueremo a spedire aiuti e a donare prodotti dei nostri contadini».

Con l’iniziativa Food For Gaza si dà il via a un impegno continuativo volto a rispondere – in questa fase drammatica – ai bisogni più immediati in termini di sicurezza alimentare. Il progetto porterà avanti la propria missione nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, fino a che ce ne sarà bisogno.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here