Palazzi svelati, 3887 prenotazioni per vistare i luoghi delle istituzioni genovesi

Domenica 2 giugno, in occasione della festa della Repubblica, saranno visitabili 22 palazzi di Genova solitamente chiusi al pubblico

Sono già 3887 le prenotazioni per visitare, domenica 2 giugno, Festa della Repubblica, i 22 palazzi che aderiscono alla nuova edizione diPalazzi svelati“, l’apertura straordinaria al pubblico di palazzi delle istituzioni di Genova solitamente chiusi al pubblico, tra cui quello della Regione Liguria.

Ben 23 le istituzioni coinvolte (Prefettura e Città metropolitana di Genova hanno sede nello stesso edificio, palazzo Doria Spinola), tra cui tre novità in questa edizione 2024: Villa Sauli Bombrini Doria (sede del Conservatorio Paganini nel quartiere di Albaro), il Museo Diocesano di Genova con il Chiostro dei Canonici di San Lorenzo e il Palazzo Ducale di Genova.

Prenotarsi è ancora possibile a questo link, e si attendono visitatori dell’ultimo minuto visto che, in molti casi, la prenotazione è facoltativa.

“Grande attenzione e curiosità per l’edizione 2024 dei Palazzi Svelati – dice il presidente ad interim della Regione Liguria Alessandro Piana -, manifestazione che si riconferma come un vero e proprio segno distintivo di Genova nell’unire indissolubilmente cultura e Istituzioni. Si aprono così i battenti a luoghi normalmente non accessibili al pubblico, ma dotati di veri e propri tesori artistici. Una formula unica sempre più apprezzata, con tanti eventi di richiamo e tre nuovi ingressi nel circuito delle aperture capaci di attirare cittadini e turisti oltre che un modo di vivere appieno i palazzi pubblici dove hanno sede le Istituzioni azzerando ogni sorta di distanza. Ricordo che, nella passata edizione, è stata registrata la presenza di circa 1700 visitatori solo per il Palazzo della Regione Liguria”.

Per l’occasione, all’interno del palazzo della Regione Liguria in piazza De Ferrari, i visitatori potranno ammirare un quadro, proveniente da una collezione privata, che racconta un angolo di Genova, l’attuale piazza Matteotti, come era nella seconda metà del ‘600. Si tratta di un’opera del tedesco Pietro Maurizio Bolckman – nato nel 1640 in Germania, a Gorinchem, e morto a Torino nel 1710 – che visita Genova tra il 1670 e il 1680 circa, e ne ritrae uno degli angoli più vivaci e colorati: piazza Matteotti, al tempo conosciuta come “Piazza Nuova”, rappresentata durante lo svolgimento di un mercato. Tra “besagnini”, prelati, nobili trasportati in portantina e tanti altri personaggi, i visitatori potranno ammirare la piazza sotto una luce inedita, cogliendo le differenze e le similitudini tra la sua forma attuale e quella del XVII secolo. L’iniziativa, dal titolo La città svelata – Il “gran teatro” di Piazza Nuova con gli occhi di un nordico, è curata da Anna Orlando.

Questi i 22 “Palazzi svelati” dell’edizione 2024  e le modalità di prenotazione:

  • Palazzo della Regione Liguria – piazza De Ferrari 1 – dalle 9 alle 19 prenotazione online obbligatoria
  • Inail – Direzione regionale Liguria – via Gabriele D’Annunzio 76 – dalle 10 alle 17.30 prenotazione online facoltativa
  • Museo del Risorgimento – Istituto mazziniano – via Lomellini 11 – dalle 10 alle 19
  • Caserma “San Giorgio” – Comando regionale della Guardia di Finanza – piazza Cavour 1 – dalle 9 alle 13 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo De Gaetani – Banca d’Italia – via Dante 3 – dalle 10.30 alle 18 prenotazione online facoltativa
  • Avvocatura distrettuale dello Stato – viale Brigate Partigiane 2 – dalle 9 alle 14 prenotazione online facoltativa
  • Palazzo Lomellini Patrone – Comando militare Esercito “Liguria” – largo della Zecca 2 – dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo degli uffici finanziari – Agenzia delle Entrate – via Fiume 2 – dalle 9 alle 13 prenotazione online obbligatoria
  • Museo dell’Accademia ligustica di belle arti – Largo Pertini 4 – dalle 14.30 alle 18.30 prenotazione online facoltativa
  • Comando dei Vigili del Fuoco – via Albertazzi 2 – dalle 9 alle 12 prenotazione online obbligatoria
  • Forte San Giorgio – Istituto idrografico della Marina militare – passo dell’Osservatorio 4 – dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17 prenotazione online facoltativa
  • Villa Sauli Bombrini Doria – Conservatorio Paganini – via Albaro 38 – dalle 11.30 alle 18 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo Tobia Pallavicino – Camera di Commercio – via Garibaldi 4 – dalle 10 alle 18 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo della Borsa – via XX settembre 44 – dalle 10 alle 18 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo Doria Tursi – Comune di Genova – via Garibaldi 9 – dalle 10 alle 19 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo Ducale – piazza Matteotti 9 – dalle 10 alle 19 biglietto ridotto
  • Capitaneria di porto – Guardia Costiera – via Vittime della Torre 4 (già via Magazzini generali 4) – dalle 9 alle 12 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo Doria Spinola – Prefettura e Palazzo della Città metropolitana – via Eros Lanfranco 1 – dalle 10 alle 17.30 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo dell’Università – via Balbi 5 – dalle 10 alle 13 prenotazione online obbligatoria
  • Palazzo San Giorgio – Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure occidentale – via della Mercanzia 2 – dalle 9 alle 13 prenotazione online obbligatoria
  • Sala operativa della Protezione civile – Regione Liguria – viale Brigate partigiane 2 – dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 prenotazione online facoltativa
  • Museo Diocesano – Chiostro dei Canonici di San Lorenzo – via Tommaso Reggio 20 R – dalle 14 alle 18 biglietto ridotto www.museodiocesanogenova.it (la visita al Museo in occasione dell’evento sarà a ingresso speciale).

In occasione del 2 giugno si terrà la cerimonia ufficiale di celebrazione della Festa della Repubblica, in piazza Matteotti, a partire dalle 9.30. In programma, dopo l’alzabandiera, l’esecuzione dell’inno nazionale da parte del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova e la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here