Fincantieri, nel primo trimestre indicatori in crescita: ricavi a 1.767 mln, ebitda a 100 mln

Ebitda in aumento del 16%, forte crescita della marginalità e conferma del processo di deleveraging

Fincantieri, nel primo trimestre indicatori in crescita: ricavi a 1.767 mln, ebitda a 100 mln

Il consiglio di amministrazione di Fincantieri spa ha approvato le informazioni finanziarie intermedie al 31 marzo 2024.

  • Ricavi stabili a euro 1.767 milioni (+0,2% rispetto al 1Q 2023)
  • Ebitda pari a euro 100 milioni, in aumento anno su anno di circa il 16% (euro 87 milioni nel 1Q 2023)
  • Ebitda margin al 5,7%, con un significativo miglioramento rispetto al 4,9% del primo trimestre 2023 e al 5,2% di fine 2023
  • Posizione finanziaria netta (Pfn) negativa pari a euro 2.413 milioni in deciso miglioramento rispetto al 1Q 2023 (euro 2.922 milioni) e sostanzialmente in linea rispetto a euro 2.271 milioni a fine 2023.

Solida performance commerciale trainata da accelerazione della domanda in tutti i business.

  • Carico di lavoro complessivo a livelli record pari a euro 39,3 miliardi, circa 5,1 volte i ricavi realizzati nel corso del 2023, a conferma di un forte sviluppo commerciale in tutte le aree di business con un soft backlog pari a euro 17,3 miliardi 
  • Nel mese di marzo è stato siglato un contratto, soggetto alle consuete autorizzazioni delle Istituzioni competenti, per 2 unità Ppa per il ministero della Difesa indonesiano. Nei primi giorni di aprile sono stati firmati un importante contratto, finalizzato già all’inizio del secondo trimestre, per 4 navi da crociera e una lettera d’intenti per la costruzione di ulteriori 4 unità da circa 200.000 tonnellate di stazza lorda per lo stesso armatore. Nel mese di aprile sono stati firmati contratti per 3 unità offshore.
  • 4 navi consegnate, inclusa la Sun Princess, la prima nave da crociera a gas naturale liquefatto e la più grande finora costruita in Italia, e 85 navi in portafoglio con consegne previste fino al 2030

Guidance 2024

  • Fincantieri conferma i target per il 2024:

­ – Ricavi a circa euro 8 miliardi in crescita di circa il 4,5%

­ – Marginalità intorno al 6% e in crescita di un punto percentuale rispetto al 2023 

­ – Rapporto di indebitamento (Pfn/Ebitda) tra il 5,5 e il 6,5x.

 

Prosegue l’espansione nel business Underwater

Sottoscritto il 9 maggio 2024 un accordo per l’acquisizione da Leonardo spa della linea di business “Underwater Armament Systems” che, in aggiunta agli accordi di collaborazione commerciale sottoscritti e della recente acquisizione di Remazel, accelera e completa la leadership del gruppo Fincantieri come integratore tecnologico nel settore della subacquea e della difesa navale, in linea con la propria strategia.

Aumento di capitale
 
Per finanziare tale acquisizione, la Società ha deliberato di sottoporre all’approvazione dell’assemblea straordinaria degli azionisti la proposta di attribuire al Consiglio di Amministrazione una delega ad aumentare il capitale sociale, mediante emissione di azioni ordinarie da offrire in opzione ai Soci, per un importo massimo complessivo di euro 400 milioni. La proposta di delega prevede inoltre che, alle azioni emesse nel contesto dell’Aumento di Capitale, siano abbinati gratuitamente warrant che diano il diritto di sottoscrivere azioni Fincantieri di nuova emissione rivenienti da un aumento di capitale di importo complessivo pari a massimi euro 100 milioni, esercitabile entro 36 mesi.
Lanciato il Piano di azionariato diffuso
 
Approvato nel corso dell’Assemblea degli azionisti del 23 aprile 2024 il “Piano di Azionariato Diffuso 2024-2025” per il personale del Gruppo.
Pierroberto Folgiero, amministratore delegato e direttore generale di Fincantieri, ha dichiarato:  “Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti nel primo trimestre del 2024, che confermano e migliorano l’ottima performance dello scorso anno sia in termini economici, finanziari e commerciali. Gli ordini dei primi mesi dell’anno hanno visto un’ulteriore conferma della robusta crescita della domanda sia nel settore civile che militare in cui abbiamo aperto il mercato del sud est asiatico che, insieme al Medio Oriente, costituiva un obiettivo strategico del piano industriale. L’aumento del 16% dell’ebitda in valore assoluto e il significativo miglioramento della marginalità percentuale, in crescita di 0,8 punti rispetto al primo trimestre 2023, testimoniano l’efficacia delle azioni previste nel piano industriale volte ad aumentare organicamente la profittabilità. Sul fronte della nuova strategia, l’acquisizione della linea di business “Underwater Armament Systems” da Leonardo S.p.A., costituisce un passo significativo che rafforza ulteriormente la nostra posizione nel settore della subacquea e della difesa navale sempre più rilevante geopoliticamente. Un accordo che ci consentirà di accelerare la nostra strategia di integrazione tecnologica e che ci permetterà di offrire nuove soluzioni e nuovi mezzi ai nostri clienti nel nuovo dominio della subacquea. Continua anche la focalizzazione strategica sulla digitalizzazione del sistema nave e sull’abbattimento delle emissioni che sta già portando all’industrializzazione di soluzioni distintive per la nostra offerta e molto innovative per i nostri clienti.
Folgiero ha concluso: “Al fine di favorire la più ampia compartecipazione alla crescita e ai successi del Gruppo, abbiamo avviato il ‘Piano di Azionariato Diffuso 2024-2025’ per il nostro personale, la risorsa chiave in assoluto per garantire il successo sostenibile dell’azienda sia nel breve che nel lungo termine”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here