Liguria percepita più sicura rispetto al dato nazionale

Ma aumentano le denunce di scomparsa, delitti e violenza di genere

Liguria percepita più sicura rispetto al dato nazionale

La Liguria appare più sicura rispetto al contesto nazionale e a quello del Nord-Ovest, ma aumentano nella regione le denunce di scomparsa, delitti e violenza di genere. È il dato che emerge dai report annuali dell’Osservatorio regionale sulla sicurezza e sulla criminalità organizzata, elaborati da Liguria Ricerche, società in-house di Regione Liguria, prendendo in esame i dati di fonte Istat.

Le documentazioni, consegnate e presentate dalla Regione Liguria in Sala Trasparenza alle autorità civili e militari, forniscono una panoramica dei delitti denunciati dalle forze di polizia all’autorità giudiziaria e un’analisi dei fenomeni legati alla criminalità organizzata, oltreché di monitoraggio sulla situazione dei beni confiscati.

In particolare, si rileva che, nel 2022, in Liguria è inferiore la percezione del rischio di criminalità (18,3%) rispetto al dato nazionale (21,9%) e del Nord-Ovest (22,3%), così come migliora la percezione di sicurezza dei cittadini che camminano da soli al buio (+8,1 punti percentuali rispetto al 2018). Aumentano le denunce di scomparsa (il recente dato pubblicato indica per la Liguria 851 denunce nel 2023, +18% rispetto al 2022), così come i delitti denunciati (65 mila, +4,4% rispetto al 2021). I furti rimangono i delitti più diffusi (37%), seguiti dai danneggiamenti (17%) e dalle truffe e frodi informatiche (12%). Per quanto riguarda la violenza di genere viene registrato un aumento, tra il 2018 e il 2022, delle chiamate alla helpline (+10%).

Sul fronte della criminalità organizzata si rileva che al 1° dicembre 2023 in Liguria si trovano 444 beni confiscati alle mafie, di cui 275 ancora in gestione da parte dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e 169 già destinati. Il volume più alto dei beni si trova in provincia di Genova (214). Grazie alle recenti modifiche normative, la Regione Liguria sosterrà con 600 mila euro annuali, e con un apposito capitolo di bilancio, l’attività di recupero dei beni confiscati, consentendo agli enti locali di presentare domanda di contributo anche in una fase antecedente al decreto di destinazione del bene.

Uno degli elementi che sta alla base della civile convivenza sociale e dello sviluppo di relazioni costruttive e solide – spiega l’assessore regionale allo Sviluppo economico e alla Sicurezza Liguria Ricerche, – è la sicurezza effettiva che le persone e le attività sociali ed economiche sperimentano quotidianamente, così come la percezione di sicurezza da parte dei cittadini. Appare perciò importante, per l’ente regionale, monitorare la situazione relativa alla sicurezza sul proprio territorio, anche attraverso l’analisi dell’informazione statistica riferita alla commissione di reati e alle loro caratteristiche e dinamiche nel tempo. In questa prospettiva, l’Osservatorio regionale sulla sicurezza e sulla criminalità organizzata rappresenta un importante strumento informativo e di monitoraggio utilizzato dall’ente regionale a supporto delle proprie attività in materia di sicurezza integrata, oltreché un mezzo di informazione per la cittadinanza e di promozione della cultura della legalità, con riferimento alle politiche regionali di valorizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata presenti sul territorio della Liguria».

Gli elaborati redatti con la collaborazione dei professori Vittorio Mete e Vincenzo Scalia dell’Università di Firenze, degli esperti dello Studio legale tributario di Milano EY, gli avvocati Serena M. Spadavecchia e Gianluigi A. Muscas e di Libera Liguria, contengono anche approfondimenti tematici sulle mafie in Liguria, sulle baby gangs, sul cybercrime e sui sistemi di video-ripresa e sorveglianza.

Oltre a provvedere alla redazione dei due report, Liguria Ricerche cura la gestione di una dashboard interattiva, strumento innovativo che consente di visualizzare ed esplorare i dati annuali di fonte Istat raccolti dalle prefetture relativi al tema della sicurezza, e fare un confronto fra le varie realtà territoriali. La piattaforma, periodicamente aggiornata con i dati progressivamente disponibili, è consultabile sul sito della Regione Liguria o di Liguria Ricerche.

«Ormai da tre anni Liguria Ricerche, con l’importante contributo di Germana Dellepiane e Paola Dadone – sottolinea Luca Gandullia, presidente di Liguria Ricerche – supporta la Regione Liguria nelle attività di analisi dei dati e dei fenomeni legati alla sicurezza e alla criminalità organizzata, al fine di delineare un quadro completo e aggiornato L’attività di monitoraggio e di analisi proseguirà per fornire ulteriori chiavi di lettura e approfondire le tematiche di maggiore rilevanza».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here