Reddito alimentare, assessore Rosso: “Genova pronta alla sperimentazione”

Il Comune di Genova presenterà un progetto in collaborazione con la rete Ricibo, Caritas, Banco alimentare e Università

Reddito alimentare, assessore Rosso: “Genova pronta alla sperimentazione”

«Il Comune di Genova è pronto a presentare la propria progettualità e accedere alla quota parte dei circa 2 milioni di euro messi a disposizione dal governo per le quattro città pilota, tra cui la nostra, per la sperimentazione del Reddito alimentare. Ci siamo attivati da subito per lavorare con i referenti del tavolo cittadino sulla strategia condivisa di food policy, tra cui la rete Ricibo, Caritas, Banco alimentare e Università, per elaborare un progetto che rispondesse alle reali necessità e potesse essere realmente efficace, per non perdere neppure un euro delle risorse stanziate». Lo dichiara l’assessore alle Politiche sociali Lorenza Rosso in merito al bando sul reddito alimentare.

«Insieme alle altre città pilota, quindi Palermo, Napoli e Firenze, abbiamo aperto un canale di dialogo diretto con il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per superare alcuni dubbi interpretativi sull’avviso pubblico: appena i nuovi termini per la presentazione dei progetti saranno comunicati alle quattro città, tra cui Genova, saremo pronti a presentare un progetto, frutto della conoscenza delle reali esigenze delle fasce sociali più fragili e del lavoro con i massimi esperti in materia di politiche del cibo che fanno parte del tavolo istituzionale, approvato dalla giunta, sulla food policy. La nostra amministrazione, lo scorso anno, ha ottenuto il premio Vivere a spreco zero con i progetti Rete Ricibo e Recreate. Grazie al grande lavoro con la rete territoriale, che ci sta offrendo un supporto fondamentale nella partecipazione al bando sul Reddito alimentare, a Genova, in due anni, è stato raddoppiato il numero delle tonnellate di cibo recuperato dalle eccedenze, dimostrazione questa di quanto sia alta l’attenzione della nostra amministrazione alla tematica».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here