Morti sul lavoro, la Uil porta mille bare a Roma: in Liguria lo scorso anno 22 morti bianche

Ronzoni: "Genova e la Liguria nei prossimi anni teatro di imponenti cambiamenti: le infrastrutture e i cantieri che le costruiranno devono nascere sulla cultura della sicurezza"

Morti sul lavoro, la Uil porta mille bare a Roma: in Liguria lo scorso anno 22 morti bianche

Ieri la Uil ha portato 1041 bare in piazza del Popolo, a Roma: tante quante sono state le vittime sui luoghi di lavoro in Italia nel 2023.

In Liguria, le denunce di infortunio nel 2023 sono state 19248, di cui 11883 maschi e 7365 femmine, mentre gli infortuni mortali nel 2023 sono stati 22, di cui 19 maschi e 3 femmine. Le malattie professionali nel 2023 presentano 1433 denunce, di cui 1085 maschi e 348 femmine.

«Tra i morti sul lavoro che abbiamo ricordato a Roma ci sono anche i 6 di Genova, i 6 della Spezia, i 5 di Imperia e i 5 di Savona – commenta Emanuele Ronzoni, commissario straordinario della Uil Liguria – ma il loro ricordo sarà vano se non sarà trasformato in risposte e tutele per i lavoratori e in un cambio radicale della concezione della sicurezza che vige in questo Paese e in questa regione. Chiediamo più risorse per la formazione, per prevenzione e controlli, un inasprimento delle pene e l’istituzione di una Procura Speciale per quelli che in molti casi vanno considerati veri e propri omicidi».

«Genova e la Liguria saranno teatro di imponenti cambiamenti nei prossimi anni: le infrastrutture e i cantieri che le costruiranno devono nascere sulla cultura della sicurezza. Faremo ogni cosa per garantire che questa cultura sarà il pilastro del cambiamento della Liguria, per raggiungere il nostro obiettivo “Zero morti sul lavoro”. Non è uno slogan, ma una missione che la Uil onorerà fino in fondo», conclude.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here