Fos si aggiudica quattro progetti Raise di intelligenza artificiale e robotica

Finanziati dal Mur con oltre 475mila euro saranno sviluppati insieme ad aziende partner, pmi e grandi imprese

Fos si aggiudica quattro progetti Raise di intelligenza artificiale e robotica

Gruppo Fos si aggiudica quattro progetti di ricerca e sviluppo all’interno di Raise – Robotics and AI for Socio-economic Enpowerment, ecosistema dell’innovazione concepito e coordinato da Università di Genova, Cnr e Istituto italiano di tecnologia, finanziato dal ministero dell’Università e della Ricerca, il cui obiettivo in Liguria è di sostenere lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e della robotica, per generare nuove opportunità, sia a livello nazionale che internazionale.

Raise è organizzato secondo il modello Hub – ovvero il soggetto responsabile dell’avvio,
dell’attuazione, della gestione e del coordinamento dell’Ecosistema dell’Innovazione – e Spoke – che sono la parte viva del progetto e rappresentano il luogo in cui gli attori coinvolti nel progetto realizzano l’obiettivo primario: il trasferimento tecnologico al mercato, passando dai laboratori al mondo reale dell’offerta e della domanda sul mercato.

I 5 Spoke di Raise sono focalizzati su:
• Spoke 1: Ambienti e servizi urbani accessibili e inclusivi
• Spoke 2: Assistenza sanitaria personale e remota
• Spoke 3: Protezione e cura dell’ambiente
• Spoke 4: Porti intelligenti e sostenibili
• Spoke 5: Trasferimento di conoscenza e tecnologia

I quattro progetti saranno finanziati dal Gruppo Fos tramite un investimento di 728.251 euro, con un contributo a fondo perduto pari a 475.403 euro da parte di Raise e Mur e saranno sviluppati insieme a diverse aziende partner, pmi e grandi imprese.

I progetti:

  1. “Cognitive Park”, in ambito di Spoke 1, in cui verranno applicate a parchi cittadini soluzioni di arredi urbani smart&green integrati con sensori di contesto intelligenti e nodi di edge computing. Con Fos spa capofila e in partenariato con Swhard srl, Smart Track srl, Darts srl e Euphorbia srl;
  2. “Simba”, in ambito Spoke 3, in cui si realizzeranno alcuni dimostratori tecnologici che
    integrano tecniche di intelligenza artificiale nel campo del monitoraggio acquatico, a
    diversi livelli di interazione con l’ambiente. Fos spa in partenariato con On Air srl
    (capofila), Ecotox LDS, A-Sign srl e Spindox spa;
  3. U-Space Link”, in ambito di Spoke 3, in cui si realizzerà una piattaforma integrata di
    controllo, comunicazione e monitoraggio che fornisce una serie di servizi principali di
    cooperazione degli UAV (unmanned autonomous vehicle), tra cui sincronizzazione,
    gestione della connettività, pianificazione del percorso, simulazione energetica. T&G
    Technology&Groupware srl (Gruppo Fos) in partenariato con Darts srl (capofila), Swhard srl e Inspire srl;
  4. “BeTwin”, in ambito di Spoke 4, in cui si implementerà un Sistema Integrato di
    Monitoraggio Dinamico e Scalabile per la zona portuale e l’area urbana circostante, in
    grado di raccogliere dati in tempo reale da sensori, telecamere e droni, e attraverso
    l’analisi avanzata, supportare la pianificazione portuale, la gestione del traffico, il
    monitoraggio ambientale, la sicurezza e la pianificazione urbana. T&G
    Technology&Groupware srl (Gruppo Fos) in partenariato con Exis Engineering
    Solutions srl (capofila), Swhard srl, On Air srl e Spindox spa.

Giorgio Allasia, responsabile Engineering & Technology Transfer di Fos spa ha dichiarato:
“Con l’approvazione di questi progetti, il Gruppo Fos entra a far parte dell’Ecosistema di Raise potendo quindi sia portare il proprio contributo in termini di expertise, know-how e capacità di trasferire l’innovazione tecnologica sul mercato, e sia soprattutto poter condividere e confrontare lo sviluppo delle soluzioni con realtà che costituiscono l’eccellenza ligure sia a livello scientifico che industriale”.

Il progetto Raise è stato finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca (Mur) con
l’Investimento 1.5 (M4C2) del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) che ha previsto la creazione e il rafforzamento di ecosistemi dell’innovazione su aree di specializzazione tecnologica coerenti con le vocazioni industriali e di ricerca del territorio di riferimento, promuovendo e rafforzando la collaborazione tra il sistema della ricerca, il sistema produttivo e le istituzioni territoriali.

Vi partecipano 25 partner dal mondo accademico e della ricerca, istituzioni e imprese, coordinati da Università degli Studi di Genova (Unige), Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e Istituto Italiano di Tecnologia (Iit).

La linea prioritaria dell’ecosistema Raise rientra nell’ambito dell’area “Digitale, Industria, Aerospazio” del Piano Nazionale della Ricerca (Pnr). Raise mira a sviluppare e commercializzare soluzioni tecnologiche basate su sistemi robotici e intelligenza artificiale, che rispondano alle reali esigenze produttive e sociali del territorio ligure. Il progetto si propone di valorizzare e potenziare la ricerca e lo sviluppo in queste tecnologie per diverse aree di interesse, tra cui la sanità, la sostenibilità ambientale, i porti intelligenti e le smart city accessibili e inclusive. L’approccio di Raise mette al centro i bisogni delle persone e del territorio favorendo il trasferimento di tecnologie innovative dalla ricerca al mercato, fornendo risorse, conoscenze e supporto per generare un’innovazione sostenibile, inclusiva e resiliente. Inoltre, il progetto mira a creare un ecosistema altamente attrattivo per aziende, investitori e ricercatori, sia a livello nazionale che internazionale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here