Chiavari, Rfi ha attivato oggi due nuovi ascensori alla stazione

Sul marciapiede del primo binario e sull’accesso al lungomare

Chiavari, Rfi ha attivato oggi due nuovi ascensori alla stazione

Aperti oggi al pubblico due nuovi ascensori nella stazione di Chiavari che renderanno più agevole l’accesso alla stazione, ai treni e a piazza Leonardi (lato mare).

Gli ascensori collegano il sottopasso al primo marciapiede e all’uscita lato mare e sono dotati di un avanzato sistema di videosorveglianza, di gestione e telecontrollo che consente di elaborare in tempo reale eventuali malfunzionamenti o blocchi dell’impianto, permettendo agli operatori dedicati al controllo degli impianti di intervenire anche da remoto.

L’attivazione odierna rappresenta un ulteriore tassello degli interventi di restyling e accessibilità che stanno interessando la stazione di Chiavari per un investimento complessivo, da parte di Rete ferroviaria italiana, di oltre 5 milioni di euro.

È stato alzato a 55 cm – standard europeo per il servizio ferroviario metropolitano per garantire ai viaggiatori un più agevole accesso ai treni – il marciapiede del primo binario con l’installazione di percorsi, mappe tattili per gli ipovedenti, realizzata la completa riqualificazione del sottopassaggio pedonale con nuovi rivestimenti e pavimentazione, rifacimento degli intonaci e imbiancatura delle pareti oltre all’installazione di nuova moderna illuminazione a led.

È prevista un’ulteriore fase dei lavori che prevede un nuovo vano scale, dotate di apposite canaline che favoriranno la movimentazione a mano delle biciclette, e l’installazione del terzo ascensore a servizio dei binari 2 e 3 per la cui realizzazione è necessario traslare di circa 10 metri la scala e realizzare un disimpegno al di sotto del terzo binario. I lavori di scavo sono stati preceduti dalla posa in opera di due ponti provvisori in acciaio dotati di apposite opere di fondazione per consentire la realizzazione delle importanti opere infrastrutturali senza interrompere la circolazione dei treni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here