Borse europee, chiusura debole

La chiusura dei mercati finanziari, i titoli in evidenza, le valute, lo spread Btp/Bund, le quotazioni del petrolio e del gas

Borse europee, chiusura debole

Chiusura debole per le Borse europee alla vigilia delle festività pasquali e in attesa dei dati che verranno resi noti domani sull’inflazione di Francia e Italia, ma soprattutto del deflatore Pce Usa, la misura preferita dalla Fed per monitorare l’andamento dei prezzi. Intanto il governatore della Banca d’Italia Fabio Panetta, ha dichiarato che «i rischi per la stabilità dei prezzi si sono ridimensionati e si stanno realizzando le condizioni per avviare un allentamento monetario». Milano segna -0,03%, Londra +0,26%, Madrid -0,26%, Francoforte +0,08%, Parigi +0,01%. Spread Btp/Bund sui 139 punti (variazione +4,47%, rendimento Btp 10 anni +3,66%, rendimento Bund 10 anni +2,27%).

A Piazza Affari brilla Saipem (+3,1%) con il giudizio positivo di Barclays, seguito da Brunello Cucinelli (+2,52%), ben intonato con il settore a livello europeo, che traina anche Moncler (+0,96%). Positivi i bancari, con in testa Unicredit (+2,19%), insieme al settore bancario (Euro Stoxx 600 Banche +0,7%). Bene Unipol (+0,67%) In coda Iveco (-2,06%), Stellantis (-1,27%) e Stm (-1,27%).

L’euro perde terreno sul dollaro a 1,081 (1,082 della vigilia), il cross euro/yen è a 163,4 (da 163,69).

Petrolio in rialzo con il Brent di maggio a 86,6 dollari al barile e il Wti a 82,75 dollari. In calo il gas che ad Amsterdam cede l’1,5% a 27,3 euro al MWh.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here