Balneari, Scajola: «Regioni pronte a collaborare, serve normativa nazionale»

«Le Regioni non sono ancora riuscite a confrontarsi con il Governo»

Balneari, Scajola: «Regioni pronte a collaborare, serve normativa nazionale»

«Parliamo di un settore che conta oltre 30mila imprese nel Paese e garantisce 1 milione di posti di lavoro, l’incertezza del momento non può che portare a comprensibili preoccupazioni. Come Regioni siamo disposti a collaborare e a offrire le nostre competenze, ma purtroppo fino a oggi non abbiamo avuto modo di confrontarci con il Governo, nonostante le nostre diverse richieste di incontro. Nel tavolo tecnico convocato abbiamo   potuto partecipare esclusivamente con rappresentanti tecnici».

Lo ha dichiarato l’assessore regionale al Demanio marittimo della Regione Liguria Marco Scajola,  intervenuto, in qualità di coordinatore del Tavolo in materia della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, all’Assemblea Unitaria di settore in occasione dell’importante convegno fieristico Balnearia di Carrara. Titolo del confronto, organizzato da Sib (Sindacato italiano balneari), Fiba (Federazione italiana Imprese Balneari) e Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi): “Fate presto! Salvaguardare i balneari per tutelare il turismo del Paese”.

«Le Regioni sono compatte, responsabili e conoscono le problematiche dei territori – prosegue Scajola – la politica nazionale deve velocemente decidere e fare presto, perché i tempi sono già molto tardivi e i lavoratori hanno bisogno di risposte. Il Governo prenda una strada e questa strada deve essere una normativa nazionale in materia di riordino del Demanio marittimo che restituisca certezze alle migliaia di operatori del settore e alle loro famiglie».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here