Spreco alimentare, Sonia Viale annuncia il deposito di una legge regionale sul tema

In Liguria, nel 2021, quasi 46 mila porzioni di cibo non consumate sono state salvate dallo spreco

Spreco alimentare, Sonia Viale annuncia il deposito di una legge regionale sul tema

Sonia Viale, consigliere regionale della Lega in Regione Liguria, annuncia il deposito di una legge regionale sullo spreco alimentare.

«Il 5 febbraio, è la giornata nazionale contro lo spreco alimentare. Ridurre lo spreco di cibo è fondamentale per diversi motivi: contribuisce a preservare le risorse, riduce l’impatto ambientale associato alla produzione di cibo e ai rifiuti, aiuta a risparmiare denaro e può supportare la sicurezza alimentare globale. Adottare pratiche responsabili può avere un impatto significativo sulla sostenibilità e sul benessere della società. Già dal 2018, quando ero vicepresidente della Regione, mi ero impegnata in prima persona sul tema, con un tavolo che coinvolgeva per competenza Assessorato all’Ambiente, allo Sviluppo e economico e alla Sanità, per donare e distribuire i prodotti alimentari per solidarietà sociale e limitare gli sprechi».

Viale dà qualche numero: «A oggi, oltre il 30% del cibo totale prodotto nel mondo viene buttato. In Italia, nel 2020, sono stati buttati 27 kg  di cibo a persona. In Liguria, nel 2021, quasi 46 mila porzioni di cibo non consumate sono state salvate dallo spreco. L’obiettivo 12.3 dell’Agenda Onu parla di un’impellente necessità di dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030. Adesso credo sia giunto il momento di avere una legge regionale che metta a regime le azioni da adottare contro lo spreco alimentare dando incentivi o agevolazioni fiscali alle imprese che adottano pratiche di gestione sostenibile e riduzione degli scarti; implementando programmi educativi, a cominciare dalla scuola, per sensibilizzare la popolazione, le imprese e gli operatori della filiera alimentare sullo spreco alimentare e sulle pratiche sostenibili; coinvolgendo associazioni di categoria e di volontariato per favorire la donazione di cibo invenduto. Basti pensare che molti piatti della tradizione ligure e italiana nascono proprio dall’esigenza di non buttare via nulla e non fare sprechi. Occorre puntare su una legge nuova, partendo dai piani strategici regionali e dai tavoli che hanno prodotto un lavoro prezioso che non deve andare perduto, sia sulla conservazione dei cibi, che sulle agevolazioni per aziende, ad esempio, quelle che promuovono l’uso della doggy bag, anche alla luce dei dati di Coldiretti/Censis che vedono quasi un italiano su 2, il 49%, pronto a chiederla al ristorante per recuperare il cibo non consumato ed evitare che venga buttato».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here