Recco, approvato progetto per nuova sede Protezione Civile: previsto anche l’eliporto

La spesa stimata supera i 2 milioni, il sindaco Gandolfo: "Stiamo lavorando alla ricerca delle risorse necessarie"

Recco, approvato progetto per nuova sede Protezione Civile: previsto anche l’eliporto

La Giunta comunale di Recco ha approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica per la sistemazione dell’area di via della Né e la realizzazione della nuova sede della Protezione Civile comunale.

L’intervento, che prevede una spesa di oltre due milioni di euro, si articola in due lotti: il primo riguarda l’area destinata ai container per le attività dei quartieri comunali e delle associazioni cittadine, alla collocazione dei magazzini comunali e all’elisuperficie per il soccorso; il secondo riguarda l’area dove sorgerà la nuova sede della Protezione Civile, dotata di spazi organizzati e funzionali all’attività e di un’area per il parcheggio dei mezzi.

Il progetto, redatto da tecnici esterni, è stato voluto dal sindaco Carlo Gandolfo e dal consigliere delegato alla Protezione Civile Chicca Zanzi che hanno ritenuto l’urgenza di intervenire su un’area sottoutilizzata e non organizzata, malgrado la potenzialità insita nel sito. Per la realizzazione dell’opera sarà necessario avviare una richiesta di finanziamenti.

“L’approvazione di questo progetto rientra perfettamente nella nostra linea programmatica per la Protezione Civile – ha commentato il sindaco Gandolfo –  è di fondamentale importanza dotare il nostro Gruppo Comunale di Protezione Civile e Antincendio Boschivo di una sede adeguata. Anche la realizzazione di una piazzola  per l’elisoccorso rappresenta un importante presidio per tutto il Golfo Paradiso. Stiamo lavorando alla ricerca delle risorse necessarie per avviare celermente lavori per un’opera importante, che arricchirà la città e il territorio. I Vab negli ultimi anni hanno dimostrato la loro efficacia e capacità concreta in tante situazioni di emergenza”.

Attualmente l’attività del Gruppo Comunale di Protezione Civile e Antincendio Boschivo risulta penalizzata dalla dislocazione logistica: sede di ridotte dimensioni e poco funzionale, ubicata in Piazzale Ricina, e area ricovero mezzi e attrezzature ubicate in strutture precarie in una porzione di area comunale in località Valle della Né e che questa situazione è causa di difficolta per operare efficacemente da parte del gruppo comunale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here