Interreg Central Europe, approvati progetti per ulteriori 1,7 mln in Liguria

Salgono a 10 i progetti finanziati tra il primo e il secondo bando della programmazione 2021-2027

Luce verde ad altri quattro progetti comunitari del partenariato ligure, nell’ambito del secondo bando di Interreg Central Europe 2021-2027, il programma che sostiene la cooperazione territoriale in 9 Stati dell’Europa Centrale (Austria, Croazia, Germania, Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria). Tali proposte progettuali, approvate nel corso del comitato di monitoraggio del programma dello scorso 31 gennaio, porteranno una ricaduta economica sul territorio superiore a 1,7 milioni di euro, incrementando a dieci il numero complessivo dei progetti finanziati tra primo e secondo bando e a 3,1 milioni l’importo totale destinato alla Liguria.

“Numeri importanti che dimostrano quanto bene si stia comportando il territorio ligure in uno dei programmi più competitivi del panorama comunitario dell’Interreg – evidenzia l’assessore regionale allo Sviluppo economico con delega alla Cooperazione Territoriale Europea Alessio Piana -. E la riprova del grande lavoro di coordinamento territoriale è data dal fatto che, in soli due avvisi, abbiamo superato quanto precedentemente ottenuto con la programmazione 2014-2020 e che, per la prima volta nella storia della partecipazione ligure al programma, Regione Liguria sarà capofila di due di questi progetti“.

In particolare, sarà il Settore Sviluppo Strategico del Tessuto Produttivo e dell’Economia Ligure a coordinare Prince, il progetto che intende favorire la partecipazione delle aziende agli appalti verdi, con la collaborazione del Settore Valutazione Impatto Ambientale e Sviluppo Sostenibile e della Camera di Commercio.

Mentre Central Bic (Biodiversity Innovative Communities) – progetto presentato dal Settore Politiche della natura e delle aree interne, protette e marine, parchi e biodiversità – si pone l’obiettivo, con il coinvolgimento di enti territoriali, parchi, associazioni, aziende e comunità locali, di promuovere la tutela attiva della biodiversità attraverso esperienze di economia sostenibile e di filiera connesse alla tutela dei pascoli, ai prodotti di qualità e al turismo nelle aree rurali e nelle aree protette.

“Un altro progetto che ha l’obiettivo di proteggere, promuovere e valorizzare il patrimonio della biodiversità che contraddistingue la Liguria e le aree protette – spiega il vice presidente con delega all’Agricoltura e al Marketing territoriale Alessandro Piana -. Si basa su modelli nuovi, capaci di far leva sul capitale naturale per una crescita economica e sociale, sostenibile ed equilibrata. Migliorare la biodiversità e tutelarla è infatti una priorità strategica, ma anche un’opportunità per il mondo rurale”.

“È con grande soddisfazione che raccogliamo un importante risultato frutto della collaborazione tra i vari dipartimenti della Regione su un tema così importante come il Green Public Procurement, ovvero l’adozione di Criteri Ambientali Minimi (Cam) negli appalti pubblici – racconta l’assessore all’Ambiente Giacomo Giampedrone, riferendosi al progetto Prince -. Regione Liguria è capofila del progetto ed è un importante riferimento per partner europei di grande prestigio. Il nostro Ente è stato individuato come esempio positivo da seguire e questo ci riempie di orgoglio”.

Gli altri due progetti del partenariato ligure approvati hanno Gruppo Fos come partner: il primo, Doorce, con la collaborazione di Liguria Digitale, ha la finalità di rendere disponibili ai cittadini un numero sempre maggiore di dati ‘open’; il secondo, Polarec, coinvolgerà, attraverso Anci Liguria, i comuni liguri nel recupero rapido dei suoli degradati per la produzione agricola non alimentare.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here