Excelsior: 10.540 assunzioni previste in Liguria a febbraio (+1.130 rispetto al 2023)

39.150 le entrate previste nel trimestre febbraio-aprile 2024 (+5.650)

Excelsior: 10.540 assunzioni previste in Liguria a febbraio (+1.130 rispetto al 2023)

Nel mese di febbraio, in provincia di Genova si prevedono 6.380 assunzioni di durata superiore a un mese o a tempo indeterminato (710 in più rispetto ad un anno fa) e per il trimestre febbraio-aprile 2024 se ne prevedono 20.970 (+2.830 unità). È quanto emerge dal bollettino mensile del Sistema Informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in accordo con Anpal per monitorare i fabbisogni occupazionali delle imprese dell’industria e dei servizi con almeno 1 dipendente.

In Liguria le entrate previste sono 10.540 a febbraio (+1.130 rispetto al 2023) e 39.150 nel trimestre febbraio-aprile 2024 (+5.650).

Cuochi, camerieri e altre professioni della ristorazione figurano al primo posto tra le professioni più ricercate dalle imprese genovesi con una richiesta di 810 posti, di cui il 60% difficile da reperire; seguono 660 richieste di personale non qualificato nei servizi di pulizia (39%), 540 posti per addetti alle vendite (47%), 360 conduttori di veicoli a motore (78%) e 280 posti per operai specializzati addetti alle costruzioni (72%).

La percentuale di lavoratori difficili da trovare sale ancora e raggiunge il 57% (49,3% il dato nazionale): tra le figure più difficili, le imprese genovesi segnalano, in ordine di difficoltà: personale non qualificato delle costruzioni (98% di difficoltà su 50 richieste), operai specializzati delle lavorazioni alimentari (96% su 30 richieste), marinai di coperta e operai assimilati (92% su 50 richieste), insegnanti della formazione professionale (91% su 130 richieste) e fonditori, saldatori e lattonieri (90% su 110 richieste).

È sempre il settore dei servizi, nel complesso, ad assorbire la quota più consistente delle entrate previste a Genova (77%), così suddivise: 2.250 lavoratori nei servizi alle imprese (6.940 nel trimestre febbraio-aprile), 1.020 nel turismo (4.350), 840 nei servizi alle persone (2.800) e 800 nel commercio (2.600).

Il 24% dei contratti sarà stabile, ossia a tempo indeterminato o di apprendistato; il 76% riguarderà contratti a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita).

Stabile al 30% la quota delle nuove assunzioni che riguarderà giovani con meno di 30 anni.

In crescita la percentuale di entrate destinate a impiegati e professioni commerciali (2.280 che rappresentano il 36% delle richieste) e a operai specializzati (1.630 entrate previste pari al 26%).

La qualifica o diploma professionale è il titolo di studio più richiesto (33%), seguito dal diploma (30%), dalla scuola dell’obbligo (20%) e dalla laurea (15%

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here