Depositi chimici, sindacati: “Si decida e in fretta la collocazione, rischio esuberi di personale molto specializzato”

Filctem, Femca e Uiltec hanno incontrato il sindaco Marco Bucci

Depositi chimici, sindacati: “Si decida e in fretta la collocazione, rischio esuberi di personale molto specializzato”

Le segreterie territoriali di Filctem, Femca e Uiltec hanno incontrato il sindaco di Genova Marco Bucci riguardo alla seconda ipotesi di collocazione dei depositi costieri di Carmagnani e Superba.

Le organizzazioni di categoria ribadiscono la strategicità dei depositi costieri quale attività irrinunciabile per un porto come Genova.

“È altresì necessaria − si legge nella nota − una ricollocazione urgente su Genova delle due unità produttive sia per l’incompatibilità con il territorio dove sono ora collocate, sia per l’impossibilità di fare nuovi investimenti e manutenzione ordinaria negli attuali siti. Abbiamo ribadito con forza al sindaco quanto già espresso nell’assemblea pubblica a Multedo e nei vari dibattiti svolti negli anni precedenti. La soluzione si deve trovare in tempi brevi, e a oggi, ci dice il sindaco, l’unica soluzione in campo è quella di Ponte Somalia“.

Il rischio, scrivono i sindacati è di trasformare in esuberi di personale altamente specializzato, quella che oggi è un opportunità di investimento, di creazione di posti di lavoro e di riqualificazione del territorio.

“Sarebbe una situazione paradossale che Genova non può permettersi. Il sindaco, su nostra richiesta, si è preso l’impegno del mantenimento delle maestranze dichiarando inoltre che la modifica delle aree portuali porterebbe un incremento del lavoro in tutte le realtà”.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here