Ospedale Saint Charles di Bordighera, sopralluogo di Riolfo e Viale: «Lavori per riaprire il Ps quasi finiti»

Da qualche giorno è subentrata la gestione dei privati

Ospedale Saint Charles di Bordighera, sopralluogo di Riolfo e Viale: «Lavori per riaprire il Ps quasi finiti»

Mabel Riolfo e Sonia Viale, consiglieri regionali della Lega in Regione Liguria, hanno visitato l’ospedale Saint Charles di Bordighera.

«Questa mattina siamo andate a fare una visita all’ospedale Saint Charles di Bordighera − dicono in una nota congiunta − per un saluto agli operatori e alla nuova gestione privata iniziata ufficialmente un paio di giorni fa. Si tratta di una struttura destinata a diventare un punto di riferimento per la sanità del ponente ligure. I lavori per la riapertura del pronto soccorso sono quasi finiti. Siamo molto contente di aver fatto questa visita perché abbiamo trovato una struttura rinnovata e all’avanguardia».

«Nel 2012, con la giunta di sinistra Burlando, il pronto soccorso del Saint Charles é stato declassato a punto di primo intervento − dice il consigliere regionale della Lega Sonia Viale − durante gli anni in cui ero assessore alla Sanità mi sono impegnata per la sua riapertura e nel 2017, è stato approvato il Piano Sociosanitario con la decisione di riaprire il pronto soccorso dandolo in gestione ai privati. Dopo il via alla gara e l’approvazione da parte del comune di Bordighera della modifica della concessione, con la clausola del reimpiego del canone di locazione dell’ospedale pari a 600.000 euro sul territorio, per le necessità sanitarie degli abitanti del distretto, nel febbraio 2019 è giunto l’affidamento in regime di concessione ai privati. Poi un allungamento dei tempi».

«L’arrivo del Covid e le difficoltà a reperire personale medico, hanno fatto sì che ci fosse uno slittamento del contratto definitivo − spiega il consigliere regionale Mabel Riolfo − poi come membro della II Commissione Salute e Sicurezza Sociale ho seguito tutto l’iter che ha portato, il 7 febbraio dell’anno scorso, alla sigla del contratto tra la Asl 1 e il gruppo Gvm e come consigliere regionale all’approvazione, lo scorso novembre, del nuovo piano socio sanitario regionale 2023- 2025 che vede l’ospedale di Bordighera base distrettuale fortemente integrato con il territorio e dotato di pronto soccorso. Oggi il Saint Charles può contare su 3 nuove sale operatorie, 5 letti aggiuntivi di terapia intensiva e una piastra endoscopica. Numerose le specialità tra cui: medicina, chirurgia, ortopedia, oculistica, radiologia con risonanza di ultima generazione. Quasi un centinaio i posti letto complessivi. Restiamo in attesa di riavere a breve anche la riapertura del pronto soccorso, di cui il territorio ha assolutamente bisogno. Sottolineiamo – dicono Riolfo e Viale – che il contratto con il gestore privato avrà durata di 7 anni prorogabile per altri 5. Siamo felici che il nostro impegno abbia dato buon esito e che si sia riusciti a ridare al nostro territorio un presidio ospedaliero così importante in un momento di criticità per il comparto sanitario».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here