Giovedì 25 gennaio presidio dei lavoratori marittimi sotto la Prefettura di Genova

Contro la riduzione dell’indennità di malattia per il comparto contenuta nella Legge di Bilancio

In risposta all’approvazione della Legge di Bilancio 2024 che conferma la decurtazione dell’indennità di malattia per il comparto dei marittimi, Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti Genova e Liguria organizzano un presidio unitario di protesta giovedì 25 gennaio 2024, dalle 9.30 alle 12.30, davanti alla Prefettura di Genova: obiettivo “chiedere maggiore rispetto e tutela nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori che portano avanti un settore strategico e vitale non solo per l’economia regionale, ma per tutto il Paese”.

“Sui lavoratori marittimi già grava un recupero salariale, che risulta incapace di offrire adeguate garanzie, considerato che la stessa indennità non viene erogata in tempi certi – sottolineano le organizzazioni sindacali – quello previsto dalla Legge di Bilancio, è un provvedimento che rischia di minare anche la sicurezza sul lavoro dei marittimi, per questo motivo chiediamo al Governo di annullarlo”.

Nel contempo, con l’obiettivo di risolvere tali problematiche, è stato chiesto e ottenuto un incontro con la Direzione centrale nazionale dell’Inps per il prossimo 30 gennaio.

Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno proclamato lo stato di agitazione nazionale già in data 15 gennaio 2024, stato di agitazione che vedrà continuità attraverso il presidio di protesta a Genova, giovedì 25 gennaio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here