Liguria montana, in arrivo 1,9 milioni per lo sviluppo dal Fosmit

Sarà quindi ripartito a tutti i 184 Comuni aventi diritto, sulla base dei criteri di superficie e popolazione previste dalla legge di settore

Liguria montana, in arrivo 1,9 milioni per lo sviluppo dal Fosmit

Il vicepresidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura e allo Sviluppo dell’Entroterra Alessandro Piana annuncia: «Sono in arrivo 1,9 milioni di euro per lo sviluppo della Liguria montana: il Fosmit, Fondo per lo sviluppo delle montagne italiane, destinato a sostenere interventi di valorizzazione e sicurezza territoriale, sarà attribuito ai Comuni classificati montani o parzialmente montani con una formula differenziata, che da una parte tiene conto della particolarità delle amministrazioni comunali delle aree interne e delle loro necessità diffuse, ma dall’altra concentra attenzione e risorse laddove sia necessario fare fronte ad interventi più rilevanti».

Sarà quindi ripartito a tutti i 184 Comuni aventi diritto, sulla base dei criteri di superficie e popolazione previste dalla legge di settore. Inoltre, tramite uno specifico bando successivo, saranno resi ulteriormente disponibili oltre 937 mila euro per analoghi interventi di promozione territoriale, con priorità per quelli contro il dissesto idrogeologico.

«Una importante occasione che ha tenuto conto anche delle proposte di Anci per le aree interne − dice Piana − a seguito di svariati confronti. L’entroterra necessita di interventi adeguati ed efficaci sotto diversi aspetti, anche derivati dallo scenario climatico in cambiamento: in particolare penso allo stoccaggio delle acque per i diversi usi, potabile, igienico sanitario, di estinzione incendi e per l’irrigazione, alla sistemazione e promozione dei tracciati escursionistici passando per la valorizzazione dei centri storici e al ripristino della percorribilità in sicurezza delle strade».

Il bando prevederà procedure di partecipazione che tengono conto delle difficoltà operative degli uffici tecnici dei piccoli Comuni, a cui saranno prioritariamente attribuite le risorse del bando. «I Comuni beneficiari dei fondi – afferma Piana – sono comunque tenuti a trasmettere agli uffici regionali, al termine degli interventi, una relazione su quanto realizzato con la dotazione assegnata, anche in forma di cofinanziamento con altri fondi eventualmente disponibili per le medesime finalità».

Per vigilare sull’efficacia dell’operazione la Regione potrà effettuare controlli di compatibilità degli interventi realizzati con le finalità del Fosmit. Tutte le informazioni saranno disponibili sul sito web regionale e su Agriliguria.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here