Genova, iniziato censimento georeferenziato dei tombini: il 43% in aree a rischio esondazione

Assessore Avvenente: "L'obiettivo è la pulizia in un anno di 100mila caditoie"

Genova, iniziato censimento georeferenziato dei tombini: il 43% in aree a rischio esondazione

Sono circa 100.000 le caditoie sul territorio genovese – 48.000 nel quadrante di Levante 50.000 mila in quello di Ponente – di cui il 43% in aree a rischio esondazione, con una particolare concentrazione nella Valbisagno. Sono alcuni dei dati emersi nella seduta della commissione consiliare V di questa mattina sul tema della pulizia delle caditoie.

«Come avevamo annunciato nei mesi scorsi – ha detto l’assessore alle Manutenzioni Mauro Avvenente – abbiamo lavorato con gli uffici competenti, che ringrazio per l’impegno profuso, per arrivare a un servizio efficace ed efficiente che superasse alcune delle criticità storiche, per arrivare alla messa a bando di un servizio fondamentale per la prevenzione dei danni connessi alle grandi piogge e al rischio idrogeologico di un territorio fragile come il nostro».

«Il nuovo sistema – spiega – prevede la georeferenziazione, entro un anno, di tutte le caditoie sul territorio genovese, un sistema che darà a i nostri tecnici, in tempo reale, lo stato dell’arte, la pulizia correlata da fotografie e una scheda analitica di ogni sito in modo da controllare l’esecuzione dei lavori e le situazioni dove sia prioritario intervenire».

Con la messa a bando del servizio di pulizie lo scorso agosto – la manutenzione straordinaria resta in capo ad Aster così come a Iren la pulizia della rete principale di drenaggio – sono stati affidati a due imprese il lotto I Ponente e il lotto II Levante (il primo dei due ad essere affidato e su cui è partito già da inizio agosto il servizio).

Il lotto III, che riguarda il pronto intervento, è affidato alla Protezione civile in caso di particolari situazioni di emergenza. L’accordo quadro dei 3 lotti è quadriennale quindi valido fino al 2026 per un importo complessivo di 7 milioni di euro.

«Da agosto a oggi – commenta l’assessore Avvenente – sono stati analizzati ed eseguiti circa 5.500 interventi sul territorio e, grazie alla strumentazione meccanica e all’intervento manuale dell’operatore, sono state raccolte 50 tonnellate di materiale, circa 25 chili a caditoia».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here