Asl5, incontri di informazione per la tutela della salute nella filiera ittica

I medici veterinari incontreranno i produttori il 25 e il 28 ottobre

Asl5, incontri di informazione per la tutela della salute nella filiera ittica

Continua il programma d’incontri organizzati dal Dipartimento di Prevenzione di ASL5 rivolto ai produttori primari (allevatori, agricoltori, ecc.) e associazioni di categoria del settore agricolo.

Nei prossimi due incontri i medici veterinari incontreranno i produttori primari della filiera ittica:

Per gli operatori del settore della molluschicoltura: 25 ottobre, ore 15, sala riunioni centro di depurazione (via S. Teresa, 21) a Lerici

Per gli operatori del settore ittico: 28 ottobre, ore 9.30, sala convegni AVIS (via Carlo Caselli, 19, loc. Favaro) a La Spezia.

In entrambi gli eventi verranno trattate le norme igienico sanitarie dei due  settori nell’ottica del miglioramento della cultura della sicurezza alimentare.

Per dicembre è programmato un appuntamento che  avrà come tema l’antimicrobicoresistenza e le strategie messe in campo – con un approccio “one health” – da tutti gli attori (veterinari, medici, allevatori, semplici cittadini) per contrastare questo fenomeno, non a torto indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità quale “priorità socioeconomica e sanitaria pubblica globale”.

Si sono già tenuti incontri riguardanti: il benessere degli animali in allevamento e nel trasporto (6 giugno a Zignago e 8 giugno a Sarzana); l’uso corretto dei fitosanitari in agricoltura a tutela della salute degli utilizzatori e delle produzioni (2 ottobre, La Spezia); la trasformazione dei prodotti di origine animale e vegetale nei laboratori polifunzionali delle imprese agricole (8 ottobre, La Spezia) il Dipartimento di Prevenzione, diretto dal dott. Mino Orlandi, attraverso le strutture dipartimentali che si occupano di sicurezza alimentare, prosegue nella campagna d’informazione e formazione per la tutela della salute partendo dalla produzione primaria, intesa come punto di partenza delle filiere alimentari.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here