Arpal, prolungata allerta arancione sul Levante

Sulle altre zone prosegue l'allerta gialla

Arpal, prolungata allerta arancione sul Levante

Sui bacini medi e grandi della zona C l’allerta arancione è prolungata sino alle 23.59 di oggi martedì 24 ottobre, successivamente sarà gialla fino alle 6 di domani mercoledì 25 ottobre. Sui bacini piccoli l’allerta gialla terminerà alle 23.59.

Nella zona D si conclude l’allerta gialla su piccoli e medi bacini alle 16.59 di oggi, martedì 24 ottobre.

Nella zona E l’allerta gialla terminerà alle 19.59 di oggi sui bacini piccoli, proseguirà su bacini medi e grandi fino alle 23.59.

Nella zona B l’allerta gialla termina alle 19.59 di oggi.

Nella zona A si conclude l’allerta gialla su piccoli e medi bacini alle 16.59.

Nella notte appena trascorsa si sono verificate precipitazioni di intensità fino a molto forte (108.4 mm/h a Camogli, 92.8 mm/h a Cabanne in Val d’Aveto, 73 mm/h a Croce Orero, 70,6 km/h a Chiavari) con cumulate puntuali fino a molto elevate tra il Golfo Paradiso e Sestri Levante (cumulata tri-oraria a Camogli con 151,2 mm; 121,8 mm in tre ore a Cabanne, nel comune di Rezzoaglio).

Sul levante la ventilazione, sostenuta dai quadranti meridionali, ha portato vento di burrasca forte con raffiche fino a 97 km/h a Fontana Fresca (Sori), a 109 Km/h a Casoni di Suvero. La ventilazione caldo umida interessa il centro levante con temperature che si assestano intorno ai 20 gradi sulla costa.

Il fronte oggi attraversa la regione portando piogge diffuse e temporali anche forti su tutte le zone e localmente stazionari su CE. Cumulate fino ad elevate su C, significative su E. Fenomeni in attenuazione a partire da Ponente dal pomeriggio. Venti forti meridionali su capi esposti di A e su CE con raffiche fino a 60-70 km/h, valori maggiori sui rilievi di CE. Mare localmente agitato su AC per onda di libeccio in ulteriore aumenti in serata.

Nella giornata di domani il fronte lascerà la regione seguito da instabilità post-frontale a Levante. Pertanto si segnala una bassa probabilità di temporali forti su C nella notte. Dalle prime ore della notte mare localmente agitato su A, agitato su BC con mareggiate di libeccio e periodo fino a 7-8 secondi. Mare in temporaneo calo nella seconda parte della giornata e in nuovo aumento dalla sera. Venti forti di libeccio su A con raffiche fino a 50-60 km/h.

Seguiranno aggiornamenti e si prefigura un nuovo passaggio perturbato a partire dalla giornata di Giovedì 26 Ottobre.

Ecco l’avviso meteorologico emesso in mattinata e disponibile a questo indirizzo con la simbologia di riferimento per i vari fenomeni:

Oggi martedì 24 ottobre: Il fronte attraversa la regione accompagnato da piogge diffuse e temporali anche forti su tutte le zone e localmente stazionari su CE. Cumulate fino ad elevate su C, significative su E. Fenomeni in attenuazione a partire da Ponente dal pomeriggio. Venti forti meridionali su capi esposti di A e su CE con raffiche fino a 60-70 km/h, valori maggiori sui rilievi di CE. Mare localmente agitato su AC per onda di libeccio in ulteriore aumenti in serata.

Domani mercoledì 25 ottobre: Il fronte lascia la regione seguito da instabilità post-frontale a Levante. Pertanto si segnala una bassa probabilità di temporali forti su C nella notte. Dalle prime ore della notte mare localmente agitato su A, agitato su BC con mareggiate di libeccio e periodo fino a 7-8 secondi. Mare in temporaneo calo nella seconda parte della giornata e in nuovo aumento dalla sera. Venti forti di libeccio su A con raffiche fino a 50-60 km/h.

Dopodomani giovedì 26 ottobre: Dal pomeriggio si assisterà ad un nuovo peggioramento sul Centro-Levante (zone BCE) con piogge sparse e rovesci, al più moderati. Venti in rinforzo dai quadranti meridionali con raffiche fino a 50-60 km/h su capi esposti di A e su C. Possibili mareggiate su C per onda lunga di libeccio. Seguire i prossimi aggiornamenti.

La Sala Operativa Regionale resterà aperta per tutta la durata dell’allerta.

In caso di eventi intensi, durante l’allerta sarà pubblicato il monitoraggio sul sito https://allertaliguria.regione.liguria.it, inviato anche tramite Twitter (segui @ARPALiguria).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here