Borse europee, seduta in rosso

La chiusura dei mercati azionari, i titoli in evidenza, le valute, lo spread Btp/Bund, le quotazioni del petrolio e del gas

Un’altra seduta in rosso per le Borse europee, a causa della crisi dell’immobiliare cinese (Evergrande ha perso il 7% alla Borsa di Hong Kong), dei dati Usa inferiori alle attese e della prospettiva di una stretta monetaria più lunga del previsto. Milano segna -1,00, Londra +0,02%, Madrid -0,2%, Parigi -0,7%, Francoforte -0,97%. Spread Btp/Bund sui 192 punti (variazione +2,76%, rendimento Btp 10 anni +4,71%, rendimento Bund 10 anni +2,80%).

A Milano netto calo di Bper (-4,52%), Mps (-4,3%) e Moncler (-3,52%) in una seduta in cui il lusso è stato penalizzato da una revisione al ribasso sulle stime per il settore da parte di Morgan Stanley. In rialzo Mediobanca (+1,02%), dopo che ieri i soci dell’accordo di consultazione hanno espresso il proprio sostegno alla lista di candidati presentata dal cda uscente e guidata dal presidente Renato Pagliaro e dall’amministratore delegato Alberto Nagel. Fuori del listino principale forte ribasso di Ediliziacrobatica (-8,86%) dopo la morte di Riccardo Iovino, fondatore e ceo della società

L’euro resta ai minimi dal marzo scorso nei confronti del dollaro e passa di mano a 1,0577 dollari (1,058 in avvio e ieri in chiusura). La divisa europea vale anche 157,462 yen (157,58 e 157,57), e il cambio dollaro /yen si attesta a 148,865 (149,08 e 148,83).

In calo il prezzo del gas ad Amsterdam: -9% a 40,4 euro al megawattora e, infine, e’ in rialzo il petrolio: il contratto consegna novembre sul Brent segna un +0,48% a 93,74 dollari al barile e quello di pari scadenza sul Wti +0,66% a 90,27 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here