Tassa extraprofitti banche, Toti: «Per ridare a italiani 4 mld, bruciati in borsa 10 mld di risparmi»

La replica di FdI e della Lega

«Posso dirlo, la manovra sugli extraprofitti delle banche tassati per il 40% in modo retroattivo non mi convince. Non è cosa da liberali, ma da marxisti. Il passo successivo è la patrimoniale. Ma soprattutto, di chi sono le banche? Degli azionisti. E chi sono gli azionisti? Per lo più tutti voi che avete un fondo pensioni, un piano di accumulo, qualsiasi forma di risparmio gestito».

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti commenta così, attraverso un post su Facebook, il prelievo fiscale sui bilanci 2022 e 2023 delle banche contenuto nel decreto Omnibus.

«Per ridare agli italiani circa 4 miliardi di euro, abbiamo bruciato in borsa circa 10 miliardi di risparmi degli stessi cittadini − aggiunge Toti −. Quindi, il saldo, ad oggi, è che i risparmiatori italiani sono più poveri, non più ricchi. Forse andava pensata meglio e da liberale bisognerebbe avere più fiducia nel mercato e meno nella politica».

«Mi sorprendono molto le parole del presidente Toti che ha espresso circa la tassazione degli extraprofitti delle banche. Questa tassazione non ha nulla di illiberale e nemmeno di marxista, ma ha un valore sociale di riequilibrio e mi sia consentito dire anche di ridistribuzione» replica il commissario regionale di FdI Matteo Rosso.

Secondo Rosso e i deputati Gianni Berrino e Mariagrazia Frijia la misura dimostra che questo è l’unico governo che ha la forza di tassare le banche perché è l’unico che non ha rapporti privilegiati col sistema bancario, ma anche e soprattutto riequilibra il sistema del credito: un mercato equilibrato è dove si incontrano domanda e offerta di risparmio e investimento, mentre ora si registrano due tassi di riferimento molto distanti tra loro: quelli di accesso al credito e quelli riconosciuti quando si versa. E ciò comporta un fattore di grosso squilibrio

Sugli effetti della Borsa di ieri il capogruppo in consiglio regionale Stefano Balleari commenta: «sarebbe stato sufficiente guardare le analisi di questa mattina del Sole24Ore e dell’andamento della Borsa per capire che l’effetto di ieri era legato a una situazione momentanea, è assolutamente normale per una misura che non era stata annunciata e soprattutto senza le precisazioni del Mef. Sul discorso delle banche che non erano avvertite, prendo in prestito le parole del sottosegretario Fazzolari che appunto riferiva oggi come alcuni istituti hanno allineato gli interessi attivi a quelli passivi e quindi hanno realizzato minori utili di quelli che non lo hanno fatto. Così noi andiamo a tassare il differenziale tra i tassi applicati a famiglie e imprese e per chi deposita soldi. Una scelta coraggiosa di un Governo che non guarda al bene elettorale, ma al bene della nazione e che non ha paura di nessun potere perché investito da quello più forte: quello degli italiani che, tra l’altro, giudicano alla quasi unanimità positiva questa norma come dimostra il sondaggio di Affari italiani che rileva il 91% di consensi per questa scelta».

In una nota il deputato e viceministro al Mit Edoardo Rixi, segretario della Lega in Liguria, dichiara:«Il prelievo sugli extra profitti delle banche è una norma di equità sociale. Si tratta di un provvedimento una tantum limitato al 2023 che trova la sua radice nell’innalzamento dei tassi voluto dalla Bce e che si è tradotto in una impennata insostenibile del costo del denaro per molte famiglie e imprese, a cui non è seguito un paragonabile aumento per i consumatori che hanno depositi sui conti correnti. Basta guardare gli utili del primo semestre 2023 per capire l’ordine delle dimensioni. Le risorse prelevate saranno a disposizione di mutui e taglio delle tasse. Un’operazione premiata oggi coi segni positivi sui titoli bancari, al di là delle speculazioni della prima ora».

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here