Sp 566 tra San Pietro Vara e Carrodano riapre tra venerdì sera e sabato mattina

Si tratta di uno degli interventi complementari indispensabili per procedere, a partire da settembre, alla chiusura del tunnel Madonna della Guardia

Sp 566 tra San Pietro Vara e Carrodano riapre tra venerdì sera e sabato mattina

Sarà rimosso tra domani sera e sabato mattina il senso unico alternato lungo la Sp566 tra San Pietro Vara e Carrodano, al termine dei lavori di asfaltatura e la contestuale tracciatura della segnaletica orizzontale da parte di Anas, con la riapertura completa del tratto. Si tratta di uno degli interventi complementari indispensabili per procedere, a partire da settembre, alla chiusura del tunnel Madonna della Guardia, la galleria sulla statale 523 del Colle di Centro Croci che si sviluppa per circa 2,1 chilometri tra i comuni di Castiglione Chiavarese e Maissana.

Si concluderanno invece entro il 18 agosto i lavori di pavimentazione e ripristino della segnaletica orizzontale e verticale iniziati lunedì scorso sulla SP40 tra l’imbocco lato Castiglione Chiavarese e il Santuario di Velva.

Oltre ad eseguire i lavori sulla SP40 di competenza della Città metropolitana di Genova, Anas provvederà al rifacimento della pavimentazione anche sul tratto di strada di competenza del comune di Maissana.

Come da intese tra enti locali e Regione Liguria, Anas ha stanziato 350 mila euro per questa serie di interventi pavimentazione, segnaletica orizzontale e verticale, installazione di alcune barriere laterali e risanamenti localizzati, propedeutici alla chiusura della galleria.
In programma c’è anche l’eliminazione del semaforo al km 70+270 della statale 523 nel comune di Castiglione Chiavarese, installato nell’ambito del rifacimento del muro a monte su quel tratto di strada; questi lavori prenderanno il via il 31 luglio e dureranno fino al 15 settembre.

«Questi lavori complementari iniziati lunedì scorso sono fondamentali non solo per fare in modo che le strade alternative alla galleria Madonna della Guardia siano pronte a sopportare l’aumento del traffico veicolare durante il periodo di chiusura del tunnel ma anche perché sono assi strategiche per tutta la rete viaria della zona – spiega l’assessore alle Infrastrutture di Regione Liguria Giacomo Giampedrone – Lo stop al traffico nel tunnel della Madonna della Guardia da parte di Anas è necessario per rendere più sicura e fruibile la galleria. Puntiamo a rispettare il più possibile il cronoprogramma, in modo da ridurre al minimo i disagi per automobilisti e pendolari che ogni giorno percorrono la statale 523, una strada di fondamentale importanza per collegare la Val di Vara con il Tigullio. Come Regione rimarremo a stretto contatto con i comuni del territorio per monitorare l’andamento dei lavori, oltre a dialogare con le aziende di trasporto locale per garantire il servizio pubblico di collegamento tra Varese Ligure e Sestri Levante».

A settembre, i lavori straordinari per la messa in sicurezza e adeguamento degli impianti del tunnel, per i quali Anas ha stanziato 29,77 milioni di euro, dureranno circa 90 giorni. I veicoli provenienti da Varese Ligure e diretti a Sestri Levante lasceranno la statale in località Torza, percorreranno la ex statale 583 in direzione del Santuario di Velva e la strada provinciale 40 “di Velva” in direzione Sestri Levante, rientrando sulla statale 523 allo svincolo di Castiglione Chiavarese; percorso inverso per i veicoli provenienti da Sestri Levante e diretti a Varese Ligure. Il tempo di percorrenza aumenterà così di 15 minuti, a fronte dei 2 minuti necessari a percorrere la galleria ad una velocità di 60 chilometri orari.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here