Laghezza spa, 3 mln di euro di investimenti per il piano di transizione ecologica 2023-2025

Tra gli obiettivi la completa digitalizzazione dei documenti, l'installazione di impianti fotovoltaici sui tetti dei magazzini e l'utilizzo di carburanti alternativi per i camion

Laghezza spa, 3 mln di euro di investimenti per il piano di transizione ecologica 2023-2025

Il consiglio di amministrazione della Laghezza spa ha approvato il piano strategico di transizione ecologica, che prevede investimenti per oltre 3 milioni di euro nel triennio 2023/2025.

«Il piano di transizione ecologica aziendale definito dal nostro transition manager Luca Bergonzoli è molto ambizioso – afferma il presidente Alessandro Laghezza (nella foto) – e prevede l’eliminazione della carta entro il 2025 con completa digitalizzazione delle attività aziendali, l’adozione di carburanti alternativi per i camion aziendali e la contestuale sperimentazione dell’idrogeno, la conversione del parco auto ad ibrido ed elettrico, la completa autosufficiente energetica della divisione logistica, grazie all’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti dei magazzini. Tutte le attività contemplate sono un passo cruciale in direzione di un obiettivo altrettanto ambizioso, quello di portare la Laghezza spa al più alto livello di qualità e allineare le politiche di sviluppo del Gruppo verso il raggiungimento degli Sustainable development goals (Sdgs)».

«Dopo alcuni mesi di ricerca e preparazione, il piano è definito – spiega Luca Bergonzoli – Si tratta di un percorso complesso, che porterà nel prossimo triennio a cambiamenti sostanziali nei processi aziendali e che andrà a coinvolgere in maniera integrata tutte le divisioni, poiché integrata è anche l’offerta dei nostri servizi».

Più nei dettaglio: nell’ambito della divisione dogana molto è già stato fatto con importanti investimenti che hanno permesso di accelerare nella digitalizzazione dei processi e delle operazioni doganali, portando l’azienda ad un alto grado di efficienza.

Il piano strategico triennale prevede la totale digitalizzazione del flusso documentale con obiettivo zero carta per il 2025 e una specifica formazione del personale in materia di sostenibilità.

Per quanto riguarda la divisione logistica, è già stata approvata l’installazione di un impianto fotovoltaico a copertura dell’intera superficie del tetto di 10.000 mq del nuovo magazzino di Pratolino/La Spezia. L’impianto previsto, a pieno regime, avrà una produzione energetica superiore ai 2 GWh annui, eccedente rispetto al fabbisogno delle attività dell’azienda.

L’energia in esubero potrà essere utilizzata sia cedendola sulla rete elettrica nazionale, anche tramite comunità energetiche, sia costituendo una Riu (Rete interna di utenza) che colleghi le realtà aziendali limitrofe. Contestualmente, avverrà l’elettrificazione di tutti i mezzi di movimento.

Seguiranno, con analogo percorso, i magazzini di Santo Stefano di Magra/La Spezia, sede principale delle attività logistiche della Laghezza SpA.

Nell’ottica di un progetto integrato fra le tre divisioni aziendali, è previsto che i benefici ambientali derivanti dalle riduzioni delle emissioni e dalla produzione da fonti green andranno anche a compensare le emissioni della divisione trasporto su strada. E per la divisione trasporti, settore particolarmente ‘hard to abate’ specie per l’azienda che possiede una flotta già completamente composta da mezzi Euro6, sono previste in aggiunta tre diverse azioni strategiche, da realizzare nel breve, nel medio e nel lungo periodo:

È già attivo un importante progetto, in collaborazione con Eni Sustainable Mobility, che coinvolge 1/3 dei mezzi pesanti targati Laghezza e che prevede l’utilizzo di un diesel HVO ottenuto al 100% da materie prime rinnovabili. La riduzione della produzione di Co2 è dal 60% al 90% lungo tutta la filiera logistico-produttiva, rispetto ai carburanti fossili.

Sul lungo termine Laghezza spa, a seconda di quali saranno le tecnologie standard che si andranno ad affermare nel settore, prevede la sperimentazione e successiva adozione di carburanti alternativi, quali Lng, ammoniaca, metanolo, con particolare attenzione all’idrogeno green, la cui introduzione è prevista dal 2025.

«È importante sottolineare che il percorso previsto dal piano di transizione ecologica triennale – conclude Bergonzoli – ha una partenza top down, con la fase decisionale frutto della visione strategica del consiglio di amministrazione, ma un’implementazione bottom up, poiché nessun risultato consistente potrà essere raggiunto senza il coinvolgimento quotidiano di tutti i collaboratori, i fornitori, i clienti e gli stakeholders di riferimento».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here