Imprenditoria femminile: al via la seconda edizione del concorso di idee FaberWoman

Possono partecipare tutte le donne residenti in Italia e che hanno intenzione di avviare un'attività in Liguria

Imprenditoria femminile: al via la seconda edizione del concorso di idee FaberWoman

Al via da oggi la seconda edizione di FaberWoman, il concorso di idee imprenditoriali al femminile nato dalla collaborazione tra Cna Genova e Rotary Club Genova San Giorgio, con il patrocinio di Regione Liguria, Comune di Genova e Camera di Commercio di Genova.

Come per la prima edizione, lo scopo dell’iniziativa è favorire lo sviluppo dell’impresa al femminile nella provincia di Genova, mettendo in palio le competenze professionali necessarie per la concretizzazione delle idee imprenditoriali ed un sostegno economico per l’avvio dell’attività.

«Promuovere l’imprenditorialità, soprattutto al femminile, in questo momento storico ha un doppio valore visti il gap di genere e il calo sempre più netto del settore dell’artigianato – sottolinea il segretario di Cna Genova, Barbara Banchero -. Al concetto dell’imprenditorialità al femminile abbiamo voluto legare la parola Faber, che in latino significa ‘artigiano’, perché questo marchio nasce dall’idea di trasferire l’orgoglio di essere artigiani. Orgoglio che deve tornare alla ribalta perché mi piace sempre ricordare che essere artigiani significa unire la mente con le mani, in un collegamento strettissimo tra il pensiero e l’azione».

«FaberWoman – aggiunge Banchero – vuole promuovere l’autoimprenditorialità al femminile, anche attraverso corsi di formazione e consapevolezza, per rafforzare le competenze delle donne che intendono avviare un’impresa».

Il progetto, nato in epoca Covid, è partito da alcune considerazioni e da alcuni numeri, evidenziati anche dal Sole 24 Ore: in Italia solo il 18% dei dirigenti è donna, e solo il 22% è imprenditrice. Numeri che fotografano un contesto reso ancora più impietoso dall’ultimo bollettino Istat del 31 gennaio 2023: l’occupazione femminile si attesta al 51,3% (quella maschile è al 69,6%) e la disoccupazione femminile in Italia ha raggiunto il 9,5% nel 2022, a fronte di una media dei paesi dell’Unione europea del 6,5%.

Come per la prima edizione, al fianco di Cna Genova sarà presente il Rotary Club Genova San Giorgio, che ha confermato il proprio sostegno all’iniziativa.

«Il tema rotariano indicato dal nostro presidente internazionale Gordon R. McLnally per l’anno rotariano appena iniziato è ‘creiamo speranza nel mondo’ – spiega la presidente del Rotary Club Genova San Giorgio, Chiara Antola -. Lo sviluppo dell’imprenditorialità femminile rappresenta una delle declinazioni della ‘speranza nel mondo’ e per farlo noi non facciamo beneficenza ma creiamo concrete opportunità. Come Rotary è una soddisfazione ed un orgoglio favorire il sorgere di nuove realtà produttive sul territorio, frutto di iniziative al femminile innovative, green e sostenibili».

«Per FaberWoman – aggiunge Antola – alcuni soci rotariani metteranno a disposizione le loro competenze per seguire le tre finaliste nella predisposizione del business plan».

A FaberWoman possono partecipare tutte le donne residenti in Italia e che hanno intenzione di avviare un’attività in Liguria. Per iscriversi al concorso basta andare sul sito e compilare il form predisposto entro il 31 marzo 2024.

Esaminate le richieste pervenute, la giuria selezionerà le tre migliori idee imprenditoriali che verranno accompagnate nella stesura del business plan. A fine giugno 2024 verrà stilata la classifica tra le prime tre idee imprenditoriali, che vinceranno rispettivamente:

  • 1° premio: 5.000 euro + Iscrizione e assistenza gratuite per due anni presso Cna Genova + Percorso di mentoring
  • 2° premio: Iscrizione e assistenza gratuite per due anni presso Cna Genova + Percorso di mentoring
  • 3° premio: Iscrizione e assistenza gratuite per due anni presso Cna Genova.

Anche per questa seconda edizione di FaberWoman, al fianco di Cna Genova e Rotary Club Genova San Giorgio sono le presenti le istituzioni locali, che hanno patrocinato l’iniziativa, a partire da Regione Liguria.

«Sostenere e valorizzare l’universo femminile, con un miglior bilanciamento vita-lavoro e un servizio di welfare adeguato, vuol dire rafforzare la nostra società su modelli di sostenibilità nel tempo, che permettano di realizzarsi in ciò che ci si sente di fare, senza dover effettuare necessariamente scelte di rinuncia – spiega l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti – Negli ultimi anni sono aumentate le donne imprenditrici, ma i margini di miglioramento sono ampi e, come Regione Liguria, per colmare questo gap abbiamo recentemente esteso le agevolazioni a fondo perduto dei due strumenti di accesso al credito (Garanzia Artigianato Liguria e Cassa Commercio Liguria) alle imprese rosa. Da rotariano e da assessore allo Sviluppo economico aderisco sempre con grande soddisfazione alle edizioni di FaberWoman. L’augurio è che iniziative come questa, che abbiamo accompagnato sin dalla nascita, possano esaltare ulteriormente il valore dell’imprenditoria femminile e incoraggiare le nostre donne a mettersi in gioco senza paura».

L’assessore al Commercio e all’Artigianato del Comune di Genova, Paola Bordilli, conferma il rinnovato supporto all’iniziativa da parte di Palazzo Tursi, che anche per questa edizione di FaberWoman ha concesso il patrocinio.

«Il Comune di Genova rinnova con forte convinzione il proprio supporto a FaberWoman perché è molto più di un semplice concorso. È un progetto che mette al centro le donne con il loro spirito imprenditoriale abbinato alla creatività tracciando percorsi di crescita e mantenendo acceso un faro sullo sviluppo dell’imprenditoria femminile. L’iniziativa di Cna Genova, realizzata in collaborazione con Rotary Club Genova San Giorgio e Camera di Commercio di Genova, rappresenta un’azione di concreto stimolo che premia le donne con idee innovative, energie e voglia di mettersi in gioco partecipando a un bando che offre reali pari opportunità per aggiungere ulteriori tasselli alla crescita del nostro tessuto economico e per limitare l’attuale gap di genere».

Tra le istituzioni che hanno concesso il patrocinio a FaberWoman figura anche la Camera di Commercio di Genova.

«La Camera ha aderito con entusiasmo a un’iniziativa che vuole premiare le idee femminili più innovative, green e realizzabili – sottolinea il segretario generale della Camera di Commercio di Genova, Maurizio Caviglia -. Dal nostro osservatorio del Servizio Competitività Imprese rileviamo un aumento della percentuale di nuove imprese a conduzione femminile, che negli ultimi due anni sono state il 61% del totale delle imprese che abbiamo aiutato ad avviare l’attività. Un segnale senza dubbio positivo e un trend che intendiamo contribuire a rafforzare grazie al nostro servizio di assistenza all’autoimprenditorialità».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here